Referendum, anche a Grosseto il Comitato provinciale “Vota Sì per fermare le trivelle”

Informare i cittadini sul referendum nazionale del 17 aprile e portare al voto il 50% più uno

[11 marzo 2016]

petrolio vino

Si è costituito il Comitato provinciale Grosseto “Vota Sì per fermare le trivelle”, formato dalle associazioni locali di Legambiente, Wwf, Italia Nostra sez. intercomunale Grosseto, Arci, Libera, Uisp, Fiab Grossetociclabile, Mdc, Cia, Condotta Slow food Grosseto, Terramare, Forum cittadini del mondo, Terra, Lav.

Il Comitato lavorerà per invitare i cittadini a partecipare al referendum del 17 aprile e a votare SÌ per abrogare la norma, introdotta dal governo con l’ultima legge di stabilità, che permette alle attuali concessioni di estrarre petrolio e gas entro le 12 miglia dalla costa anche dopo la scadenza della concessione, fino ad esaurimento del giacimento. Se il referendum raggiungerà il quorum (50% più uno degli aventi diritto) e vinceranno i sì, chi estrae o ricerca petrolio e gas, entro le 12 miglia dalla costa, una volta terminata la sua concessione dovrà smettere di trivellare.

I motivi del Sì:

1)      Il petrolio è una fonte fossile, vecchia e inquinante: Già oggi, in Italia, produciamo il 40% di energia da fonti rinnovabili; Nel mare italiano c’è petrolio per soddisfare il fabbisogno nazionale per sole 8 settimane! Per questa miseria perché rischiare di compromettere il nostro mare?

2)      Con il referendum vogliamo un nuovo modello energetico per il nostro paese: Progressivo abbandono delle fonti fossili per fermare il riscaldamento del pianeta, il cambiamento climatico, desertificazione e alluvioni; Sì alle energie rinnovabili e pulite; Sì al risparmio energetico, la vera frontiera della sostenibilità (efficientamento degli edifici, ecc.).

3)      Salvaguardare la vera ricchezza del mare italiano: Biodiversità (l’inquinamento petrolifero minaccia i cetacei e habitat marino); Turismo (il turismo verde, legato alla ricchezza del patrimonio naturalistico del nostro mare, rischia di essere seriamente danneggiato dall’inquinamento delle trivelle petrolifere); Pesca (l’inquinamento e il deterioramento degli habitat marini potrebbe compromettere questa importante attività economica del paese).

Si tratta dunque di un Referendum importante, che è a rischio di quorum anche per la scelta insensata del Governo di non accorparlo alle prossime elezioni amministrative come richiesto dalle 9 regioni proponenti e dalle associazioni promotrici del Comitato referendario nazionale col duplice scopo di far risparmiare allo Stato (cioè a tutti noi) 360 milioni di euro (costo della consultazione referendaria) e di favorire la partecipazione dei cittadini.

Il Comitato provinciale di Grosseto Vota Sì per fermare le trivelleinvita i singoli cittadini, le associazione e le formazioni politiche disponibili della provincia di Grosseto ad entrare a far parte del Comitato per collaborare in vista della campagna referendaria. Per informazioni, adesioni o richiedere i materiali si può chiamare lo 0564.48771 o scrivere a: grossetofermaletrivelle@gmail.com.

Gli hashtag da utilizzare per promuovere il referendum sono: #stoptrivelle #votasì