La risposta del sindaco di Campo nell’Elba su Capo Poro

[13 gennaio 2015]

Buongiorno, a seguito della Vs. segnalazione sono ad informarvi che abbiamo attivato gli uffici comunali per i controlli necessari.

Ringraziando per la collaborazione,

un caro saluto,

Lorenzo Lambardi

Sindaco di Campo nell’Elba

 

Da: Legambiente Arcipelago [mailto:legambientearcipelago@gmail.com]
Inviato: lunedì 12 gennaio 2015 13:17
A: undisclosed-recipients:
Oggetto: segnalazione lavori, apertura strada ed abbattimento piante sul sentiero per Capo Poro

 

LEGAMBIENTE

Arcipelago Toscano

http://www.facebook.com/LegambienteArcipelagoToscano

Recapito: loc. Uccellaia – 57033 Marciana Marina (Elba) Livorno –

telefono 0565 904342 – E-mail: legambientearcipelago@gmail.com

Conto corrente postale 33568502 intestato a: LEGAMBIENTE Arcipelago Toscano –  loc. Uccellaia

57033 Marciana Marina (LI)

 

 

li.12/01/2015

All’attenzione di:

Signor Sindaco del Comune di Campo nell’Elba;

Comando CTA/CFS Parco Nazionale Arcipelago Toscano;

Comando Stazione Corpo Forestale dello Stato Marciana Marina

E p.c.

Presidente Parco Nazionale Arcipelago Toscano

Presidente Regione Toscana

Assessore ambiente Regione Toscana

 

Oggetto: segnalazione lavori, apertura strada ed abbattimento piante sul sentiero per Capo Poro

 

Egregi signori,

abbiamo ricevuto via e-mail  la seguente segnalazione, con foto allegate,  che conferma segnalazioni ricevute ieri da escursionisti e soci di Legambiente:

“Nel tratto del sentiero sul crinale che conduce a Capo Poro, passata di 50 mt circa la villa Oldrini, si nota l’entrata nella macchia mediterranea di un grosso mezzo meccanico (dicono motopala) che ha divelto e sradicato tutte le piante e che, seguendo un terrazzamento parallelo al sentiero che continua verso Capo Poro, traccia un percorso alternativo e più ampio che  si  inoltra fino ad arrivare a pochi metri da Capo d’Arco, cioè al confine con il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. Si notano  lungo il tracciato alcuni ceppi semi-interrati di essenze pregiate e protette che si trovano in quella zona, soprattutto Il ginepro sabino (Iuniperus Sabina)».

Visto quanto segnalatoci, siamo a chiedere alle SS.VV.:

–       Se quanto realizzato ed in corso di realizzazione è stato autorizzato

–       Se quanto realizzato ed in corso di realizzazione corrisponde alle autorizzazioni eventualmente concesse ed è conforme con i vincoli ambientali e paesaggistici ricadenti sull’area

–       Se per quanto ed eventualmente concesso, visto il forte impatto su specie protette dalla Direttiva Habitat ed il suo possibile impatto su specie protette dalla Direttiva Uccelli,  è stata presentata la necessaria Valutazione di Incidenza, dato che l’area è contigua alla ZPS/ZSC e SIC/SIR Monte Capanne e promontorio dell’Enfola, Codice Natura 2000 IT5160012

In attesa di una sollecita risposta, si inviano cordiali saluti

Per LEGAMBIENTE

Arcipelago Toscano

La Presidente

Maria Frangioni