Rispunta il rospo arlecchino estinto: un’altra “specie Lazzaro” risorge in Costarica

[5 novembre 2013]

Il rospo arlecchino arancione e nero (Atelopus varius) era molto comune nella Costarica centrale ed a Panama, ma a partire dagli anni ’80, probabilmente a causa della diffusione della micidiale fungo chytrid, questa specie aveva subito un calo così repentino da ritenerla estinta. Invece un team di ricercatori costaricensi, messicani e statunitensi ha riscoperto addirittura una popolazione riproduttiva in una foresta di un altopiano della Costarica ed ha reso nota questo importante  ritrovamento nello studio “Renewing hope: the rediscovery of  Atelopus varius  in Costa Rica” pubblicato su Amphibia-Reptilia .

Nello studio si legge che «In meno di 20 anni, le popolazioni conosciute in Costa Rica erano scese da 100 ad una» Nel 1996, la specie n venne  considerata estinta nel Paese centroamericano, ma nel 2004 si riaccese la speranza quando una popolazione di rospo arlecchino arancione e nero  venne scoperta nei dintorni di Quepos, nel sud ovest della Costarica. Ma successive indagini non hanno più ritrovato l’anfibio.

L’Atelopus varius è stato dato per spacciato finché il team di ricercatori non si è imbattuto in una popolazione significativa in una riserva privata all’interno della Riserva della Bosfera La Amistad , vicino alla frontiera con Panama. La popolazione ritrovata sembra in salute, è composta di più di 200 individui e i ricercatori hanno documentato che accoppiamenti

Il team, guidato da José F. González-Maya del Sierra di Sea Institute & ProCat International in Costa Rica e dell’Universidad Nacional Autónoma de México, dicono che questo ritrovamento rappresenta una speranza anche per altre specie ritenute estinte in America Centrale: «I nostri risultati si inseriscono nella teoria emergente che le specie che sono state date per presunte estinto stanno cominciando a essere ri-scoperte in Costarica e altrove. dopo gravi perdite, spesso gli individui azzerati vengono rilevati in natura, diverse specie di rana sono stati ri-scoperte nelle aree della Costaica con precedenti record di chytrid, così come in  aree non campionate precedenza. Questi risultati seguono uno schema simile al nostro risultato, nel quale le specie considerate estinte o quasi estinte, con cali massicci registrati a causa del chytrid sono stati ritrovati in luoghi già noti.

Analisi recenti suggeriscono che alcune aree del Costarica hanno alte probabilità di ri-scoperta di popolazioni, e la maggior parte non sono stati campionati dal 2000. L’Atelopus varius può quindi essere solo uno delle tante  “specie Lazzaro” i cui epitaffi sono stati scritti un po’ troppo presto».