San Rossore, cosa ne pensano le associazioni ambientaliste del nuovo presidente del Parco

[22 aprile 2016]

parco san rossore

Finalmente è arrivata la nomina del nuovo presidente dell’Ente Parco. La Regione Toscana ha deciso per Maffei Cardellini, uomo con un curriculum, anche ambientalista, di tutto rispetto di fronte al quale non possiamo che esprimere il nostro apprezzamento. Le associazioni ambientaliste avevano sostenuto apertamente la riconferma dell’ex Presidente Manfredi, scelta che comunque rivendichiamo in quanto l’azione di Manfredi in questi anni difficili è stata coerente con il mandato che aveva, raggiungendo risultati anche importanti a fronte di enormi difficoltà gestionali legate alla situazione di commissariamento nella quale si è trovato a lavorare; ci sembrava pertanto importante puntare sulla continuità dell’azione di governo.

Così non è stato ma siamo comunque fiduciosi che il nuovo presidente sarà in grado di svolgere un ottimo lavoro data anche la sua esperienza e la conoscenza delle tematiche che andrà ad affrontare. Ciò non di meno non possiamo non dirci preoccupati dal clamore e dalle numerose esternazioni trionfalistiche inneggianti allo ‘sviluppo’ contrapposto alla gestione attuale, che hanno accompagnato la nomina, da parte di coloro che oggi si presentano come “mandanti politici” del nuovo presidente. Siamo certi che Maffei Cardellini saprà interpretare al meglio il suo ruolo di custode di un “capitale naturale” che dovrà essere trasmesso intatto alle prossime generazioni e la sua azione dovrà tendere semmai ad estendere la visione e le modalità di gestione proprie di un Parco Naturale alle aree circostanti in modo che questo patrimonio non venga intaccato ma bensì si possa immaginare di vederlo crescere in uno sviluppo armonico di tutto il territorio.

Questa è l’eredità più importante che la passata gestione ci lascia con l’estensione della Riserva della Biosfera che oggi coinvolge altri quattro comuni fino ad oggi fuori dal Parco. Su questa strada dobbiamo continuare a lavorare con un Parco che reciti un ruolo da assoluto protagonista. Le associazioni ambientaliste sapranno essere al suo fianco in questa difficile battaglia.

di Oasi LIPU Massaciuccoli, WWF Alta Toscana, Legambiente circoli Pisa, Versilia, Valdera