Scoperta la spugna più grande del mondo, forse è l’animale più vecchio del pianeta (VIDEO)

E’ grande come un minivan, potrebbe avere più di 2.300 anni

[27 maggio 2016]

Spugna 1

 

Durante una spedizione scientifica in alto mare, nel Papahānaumokuākea Marine National Monument  nelle Hawaii, è stata trovata la spugna più grande del mondo, delle dimensioni di un minivan, e potrebbe essere anche l’animale più vecchio del mondo, visto che solitamente gli organismi delle profondità marine si svuiluppano molto più lentamente di quelli di superficie.

Nello studio “The largest sponge in the world?”, pubblicato su  Marine Biodiversity, Daniel Wagner del NOAA Papahānaumokuākea Marine National Monument e Christopher Kelley dell’università delle Hawaii di Mānoa, ricordano che «Le spugne (phylum Porifera) sono componenti essenziali delle comunità marine bentoniche che rivaleggiano con i  coralli ermatipici in termini di abbondanza e la diversità Diverse spugne marine sono note per raggiungere dimensioni enormi, fornendo così servizi ecosistemici chiave quali il filtraggio grandi quantità di acqua di mare, oltre a fornire un habitat importante per una miriade di specie di invertebrati e microbiche»

Fino ad ora le più grandi dimensioni riportate per le spugne erano quelle di una colonia di phrocallistes vastus   trovata nel 2007 in acque poco profonde, meno di 25 metri,  al largo del Canada occidentale. la colonia misura 3,4 m di lunghezza, 1,1 m di altezza e 0,5 m di larghezza. Si sapeva da tempo che le grandi spugne vivono anche nelle acque profonde, come , ad esempio la Monorhaphis chuni scoperta nel 2009  che può svilupparsi per 3 metri.

Durante una recente spedizione al nord-ovest della isole Hawaii a bordo della Okeanos Explorer della NOAA è stata scoperta una gigantesca spugna cui lunghezza, altezza e larghezza supera le dimensioni dei più grandi campioni riportati in letteratura  e Wagner e Kelly spiegano che la spugna è stato ripresa con un ideo ad alta definizione da un sistema di due remotely operated vehicle (ROV): Deep Discoverer e Seirios)  durante un’immersione su una cresta che si estende a nord del Bank 9 nel  Papahānaumokuākea Marine National Monument. L’altezza e la larghezza della spugna stati misurate grazie alle immagini girate dal ROV  Deep Discoverer  e da laser, mentre la sua lunghezza è stata misurata dal Rov Seirios confrontando le immagini girate con le dimensioni dello stesso ROV (3.15 m × 1.85 m). Si è così scoperto che la spugna è lunga oltre 3,5 metri, larga 2 metri per 1,5. superando così le dimensioni della più grande spugna precedentemente nota.

I ricercatori sottolineano che «Mentre non è stata campionata la massa della colonia, abbiamo raccolto un esemplare di ciò che crediamo sia della stessa specie nel corso di una precedente immersione nella zona» e «Sulla base di un esame microscopico delle spicole, l’esemplare è stato identificato come appartenente alla famiglia Rossellidae e alla sottofamiglia Lanuginellinae». Oltre a questi due esemplari la spedizione non ha trovato altre spugne simili nel corso delle 18 immersion dei ROV  a profondità che vanno da 1.096 e 4.829 metri.

Wagner e Kelly concludono che il «ritrovamento di una spugna così enorme e presumibilmente vecchia all’interno del Papahānaumokuākea Marine National Monument  sottolinea la necessità di proteggere questa zona utilizzando le più elevate misure di conservazione disponibili. Anche se non si sa molto circa la durata della vita delle spugne, alcune specie massive che si trovano in acque poco profonde (<30 m) si stima che vivano per più di 2.300 anni (McMurray et al. 2008 ).Infine, il ritrovamento di un grande organismo come quello qui riportato mette in evidenza il valore di utilizzare le tecnologie profonda immersione in acque profonde per esplorare  le parti più profonde dei nostri oceani, che rimangono in gran parte inesplorati».

Wagner  aggiunge: «La maggior parte del nostro pianeta si trova nelle acque profonde, la maggior parte delle quali non è mai stata esplorata. Trovare una spugna così enorme e presumibilmente vecchio sottolinea quanto si può apprendere dallo studio degli  ambienti profondi e incontaminati come quelli scoperti nel remoto Papahānaumokuākea Marine National Monument».

Videogallery

  • World's biggest sponge is as big as a car