Sono i pesci cavernicoli più settentrionali mai scoperti. Segno di una rapida evoluzione

Sensazionale scoperta: trovato il primo pesce cavernicolo europeo (VIDEO)

I pesci ipogei scoperti alle fonti di Aach, a nord del Lago di Costanza, in Germania

[4 aprile 2017]

Pochi animali vivono così nascosti come quelli che hanno il loro habitat nel sottosuolo e anche in Europa, deve c’è una ricca fauna nelle grotte, nel sottosuolo e nelle acque sotterranee che quasi nessuno conosce, a fino ad oggi questa misteriosa e elusiva biodiversità ipogea non sembrava comprendere nessun pesce e gli scienziati si chiedevano perché, visto che pesci che vivono nelle acque sotterranee sono stati trovati in altri continenti. Un team di ricercatori e speleosub tedeschi, guidato da Jasminca Behrmann-Godel, del Limnologische Institut der Universität Konstanz, ha fatto una straordinaria scoperta che illustra nello studio  “The first European cave fish” appena pubblicato su Current Biology: ha trovato il primo pesce europeo che vive in una grotta che è subito diventato anche il pesce sotterraneo che vive più a nord del mondo.

L’eccezionale animale non è stato trovato nei Balcani, dove vive la maggior parte delle specie ipogee europee, ma in un’area dove non ci si aspetta di trovare una nuova specie: nel Lago di Costanza, che la Germania condivide con svizzera e Austria.

La Behrmann-Godel dice che  probabilmente c’è una numerosa  popolazione di pesci ipogei che vive nel  del sistema idrico carsico sotterraneo di  250 Km2 formato dalle acque del Danubio che formano le fonti di Aach a nord del Lago di Costanza.

Ma per i ricercatori  trovare dei pesci sotterranei in una regione così a nord è stato del tutto inatteso: si ipotizzava che i pesci ipogei fossero sopravvissuti solo nlle arre che durante l’era glaciale non erano state sommerse dal ghiaccio. Infatti i risultati presentati dal team di ricerca tedesco suggeriscono che il pesce cavernicolo appena scoperto, non vivesse sotto terra prima della fine della glaciazione e che sia  successivamente diventato troglodita : «“E ‘stato solo quando si ritirarono i ghiacciai che il sistema divenne un habitat adatto ai pesci. A un certo punto, devono essersi spostati  lì, dopo la fine del periodo glaciale di Würm, massimo  20.000 anni fa, e apparentemente dal Danubio. Su questo, le nostre analisi genetiche sono molto chiare», spiega un altro autore dello studio,  Arne Nolte dell’Universität Oldenburg/Max-Planck Institut für Evolutionsbiologie Plön.

Un altro dei ricercatori, Jörg Freyhof, del Leibniz-Institut für Gewässerökologie und Binnenfischerei (IGB), aggiunge: «In questo breve periodo di tempo, visto da una prospettiva evoluzionistica,  i pesci si sono sviluppati in veri e propri pesci di grotta. I loro occhi sono molto più piccoli di pesci di superficie, quasi come se fossero curvate verso l’interno e la loro colorazione è quasi scomparsa. I pesci hanno allungato le appendici sulle loro teste, i cosiddetti barbigli, e le narici sono più grandi di quelle dei loro cugini che vivono vicino alla superficie.  All’interno dell’ambiente del pesce di grotta non ci sono predatori, così la vita molto al di sotto della superficie è molto sicuro per il loach. Nei passaggi subacquei sono stati anche rilevati piccoli crostacei  e lumache, molto probabilmente forniscono il cibo ai pesci».

Quando gli speleosub  si sono immersi contro corrente all’entrata del sistema subacqueo delle fonti di  Aach hanno dovuto affrontare un’impresa non facile: per raggiungere i luogo dove sono stati  trovati i pesci, circa. 600 metri dalla sorgente Aach, ci vuole circa un’ora. «Le immersioni in quest’area sono per i veri professionisti. Ad esempio, lungo la strada c’è un “pozzo a sifone” che scende verticalmente per 40 metri. I subacquei usano speciali miscele di aria per accorciare i tempi di decompressione durante il viaggio di ritorno.Anche la scarsa visibilità causata dal  fango smosso dalla corrente rende le cose molto più difficili», dice Joachim Kreiselmaier, che ha scoperto per primo i pesci cavernicoli nell’agosto 2015, durante un’immersione durata tre ore le immersioni di tre ore.

Il sistema subacqueo della zona di drenaggio del Danubio tra Immendingen e Möhringen fino ad  Aach somiglia a un labirinto, è  un sistema di tunnel allagati.  E lungo solo 12,5 km e l’acqua scorre via da tutta una zona sotterranea inclinata. “Roland Berka, che ha studiato la formazione geologica della regione per molti decenni, sottolinea: «Non sappiamo esattamente come sia questo sistema, ma ci devono essere altri fiumi e laghi sotterranei.

Proprio la recente storia evolutiva dei pesci è di grande interesse per la ricerca futura: il team tedesco ha per caso messo gli occhi su un vero e proprio tesoro scientifico che puo consentire di comprendere meglio come si hanno rapide evoluzioni anche in organismi complessi come i pesci. I ricercatori concludono: «La spettacolare scoperta dimostra che possono ancora essere trovate nuove specie, anche in Germania, uno dei Paesi più ampiamente studiati in tutto il mondo».

Videogallery

  • European cave loach - the first European cave fish