Senza le foreste impossibile sconfiggere la fame nel mondo

Una fonte abbondante di proteine, reddito, biocarburanti e servizi ecosistemici

[6 maggio 2015]

Secondo il nuovo rapporto dell’International Union of Forest Research Organizations (Iufro), il più grande network di scienziati forestali del mondo,  «Le foreste potrebbero essere la carta vincente negli sforzi per porre fine alla fame nel mondo». Infatti persone nel mondo un miliardo di dipendono dalle foreste e dagli  alberi per sfamarsi ed avere  redditi sostenibili.

Nel mondo circa una persona su 9 soffre la fame e la maggior parte dei denutriti vive in  Africa e in Asia. L’Iufro è convinto che «Le foreste del mondo hanno un grande potenziale per migliorare la loro nutrizione e garantire i loro mezzi di sussistenza. In realtà, le foreste e la silvicoltura sono essenziali per raggiungere la sicurezza alimentare, dato che i limiti di poter incrementare la produzione agricola stanno diventando sempre più chiaro».

Il “Forests, Trees and Landscapes for Food Security and Nutrition. A Global Assessment Report”, realizzato per conto della Collaborative Partnership on Forests (CPF), .al quale hanno collaborato più di 60 ricercatori, è l’analisi scientifica più completa su questo argomento prodotta fino ad oggi, è stata presentata New York all’United Nations Forum on Forests e sottolinea anche «La necessità che i gruppi più vulnerabili della società abbiano un accesso sicuro agli alimenti della foresta».

Lo studio fa parte dei documenti preparatori per definire i Sustainable Development Goals Onu per affrontare le sfide globali come la povertà e la fame e si propone come elemento per rispondere alla “Zero Hunger Challenge”, un’iniziativa dell’Onu che punta ad eliminare la fame nel mondo entro il 2025.

Thomas Gass, assistente del segretario generale dell’Onu all’UN Department of Economic and Social Affairs, ha detto che «Questo rapporto ci ricorda il ruolo fondamentale delle foreste nella costruzione della sicurezza alimentare. Presenta casi convincenti di approcci al territorio multifunzionali e integrati e chiede un impegno a livello comunitario per ri-immaginare i sistemi forestali e l’agricoltura»,

Secondo Christoph Wildburger, coordinator del Global Forest Expert Panels delliUfuro , «La produzione delle colture su larga scala è estremamente vulnerabile agli eventi meteorologici estremi, che possono verificarsi più spesso all’interno del cambiamento climatico. La scienza dimostra che l’agricoltura basata sugli alberi è in grado di adattarsi molto meglio ad una tale calamità. Sappiamo che le foreste svolgono già un ruolo fondamentale nel mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Questo rapporto rende molto chiaro che svolgono un ruolo fondamentale per alleviare la fame e migliorare la nutrizione».

Bhaskar Vira,  dell’università di Cambridge, e  presidente del Global Forest Expert Panel on Forests and Food Security che ha redatto il rapporto, evidenzia che « Le foreste forniscono una dieta sana e diversificata. Gli alimenti forestali spesso forniscono una rete di sicurezza durante i periodi di scarsità di cibo. Nello studio, sveliamo impressionanti esempi che mostrano come le foreste e gli alberi possono integrare

la produzione agricola e contribuire al reddito della popolazione locale, in particolare di quelle delle regioni del mondo  più vulnerabili».

I vantaggi di foreste e degli alberi per una corretta a nutrizione sono molteplici: il cibo forestale è spesso ricco di vitamine, proteine ​​e altre sostanze nutritive e permette diete più diversificate Ad esempio, il contenuto di ferro dei semi essiccati delle carrube africane e degli anacardi non trattati sono è paragonabile o addirittura superiore a quello della carne di pollo; Anche la selvaggina, i pesci e gli insetti sono importanti fonti di cibo forestale. Gli insetti sono una fonte abbondante di proteine, grassi, vitamine e minerali particolarmente a buon mercato. In particolare, nel Sud-Est asiatico, molte foreste ed agro-foreste sono gestite  dalle comunità locali specificamente per migliorare il rifornimento di insetti commestibili; Le foreste sono essenziali anche per legna da ardere e il carbone. Nei paesi in via di sviluppo, 2,4 miliardi di famiglie

utilizzare questi biocarburanti rinnovabili per cucinare e riscaldarsi. In India e Nepal, per esempio, anche famiglie rurali più agiate dipendono da combustibili legnosi; Gli alberi offrono una moltitudine di servizi ecologici. Ad esempio, sostengono le api e gli altri impollinatori, che sono essenziali per la produzione agricola. Forniscono cibo anche agli animali che consentono alle comunità per produrre carne e latte, e proteggono torrenti e bacini come habitat per i pesci. Insomma, le foreste aiutano i poveri a vivere

Secondo il rapporto, «Circa una persona su 6 dipende direttamente dalle foreste per il cibo e il reddito».

Nel Sahel, gli alberi contribuiscono in media all’80% dei redditi familiari, in particolare con la produzione di noci di karité. L’evidenza mostra che in tutto il mondo più basso è il livello di benessere, maggiore è la

quota di foreste nei redditi delle famiglie.

Il rapporto documenta gli sforzi in corso, in Africa e altrove, per lo sviluppo di nuovi prodotti di base dagli alberi per fornire ai poveri con un reddito sostenibili. Ad esempio, i contadini poveri della Tanzania sono impegnati a produrre i semi di allanblackia, che permettono di ottenere un olio commestibile con potenzialità per il mercato alimentare globale. Il partenariato pubblico-privato Novella Africa sta sviluppando un business sostenibile di olio di allanblackia che potrebbe valere centinaia di milioni di dollari all’anno per i contadini locali. .

Vira  spiega ancora: «Quello che rende le persone affamate spesso non è la mancanza di cibo, ma la mancanza di accesso al cibo e il controllo sulla sua produzione. Dobbiamo far nostri le richieste di sovranità alimentare che diano alle popolazioni locali un maggiore controllo sul loro cibo. Il miglioramento dei diritti di fondiari e il rafforzamento dei diritti per le donne, che stanno diventando sempre più responsabile della produzione di cibo dai terreni agricoli e forestali, sono fondamentali per garantire il successo degli sforzi di riduzione della povertà sostenibili».

Anche se le foreste non sono la panacea per la fame nel mondo, il rapporto sottolinea che «Svolgono un ruolo fondamentale nell’integrare le colture prodotte nelle aziende agricole. Ciò è particolarmente importante quando l’approvvigionamento del cibo base è compromesso dalla siccità, i prezzi sono volatili, ci sono  conflitti armati o altre crisi. Questo collegamento foresta-fattoria significa anche che la perdita e il degrado delle foreste esacerba il problema dell’insicurezza alimentare». In effetti, il rapporto evidenzia che l’espansione dell’agricoltura è responsabile del 73% della perdita di foreste in tutto il mondo».