Sorpresa a Eurobirdwatch: un rarissimo Lui scuro in Pianura Padana

In Italia "Big day" con 46 eventi e avvistamenti ornitologici importanti

[3 ottobre 2017]

Durante il “Big Day” organizzato il 30 settembre e l’1 ottobre nell’ambito dell’Eurobirdwatch 2017, lo staff e volontari della Lipu all’Oasi Lipu Celestina, in provincia di Reggio Emilia, hanno fatto un avvistamento eccezionale: un rarissimo esemplare di luì scuro (Phylloscopus proregulus), un uccello che nidifica in Siberia e sverna nel sud-est asiatico ma che, evidentemente, con una virata verso ovest di migliaia di chilometri si è spinto fin sulla pianura emiliana con un lungo e pericoloso viaggio.  .

«Un evento ornitologico di rilievo» dicono alla Lipu, partner italiano di BirdLife International che organizza la manifestazione europea con il coordinamento di BirdLife Slovacchia. L’Eurobirdwatch è il più grande evento dedicato al birdwatching, cui quest’anno hanno preso parte ben 41 Paesi partner di BirdLife International in Europa e nell’Asia centrale, per 934 eventi, 21mila partecipanti e 4 milioni di uccelli migratori osservati.

Tra i partner più attivi quello ungherese (BirdLife Ungheria) che ha organizzato il maggior numero di eventi (123) e di partecipanti (quasi 4mila), mentre il Paese con il maggior numero di uccelli osservati è stato la Finlandia, con BirdLife Finlandia (1,2 milioni di esemplari registrati). L’oca facciabanca è stata invece la specie più vista (oltre 670mila esemplari), seguita dallo storno (620mila) e da fringuelli e peppole (545mila).

Eurobirdwatch 2017 in Italia ha offerto 46 appuntamenti ai quali hanno partecipato più di mille persone, per un conteggio totale di oltre 45.000 esemplari appartenenti di 186 specie di uccelli selvatici.

La Lipu sottolinea che «Oltre al luì scuro, i partecipanti al Big Day italiano hanno osservato altre rarità come i tre esemplari di anatra marmorizzata (in Sicilia, alla diga Comunelli, Caltanissetta),  una calandrella (nella Riserva naturale Saline di Priolo, in provincia di Siracusa) e tre di calandro maggiore (ai Pantani di Cuba e Longarini, sempre in Sicilia).  Dalla raccolta dati emergono inoltre passaggi o presenze consistenti o di rilievo ornitologico, quali quelle dello storno (un dormitorio formato da oltre 10mila esemplari presso l’Are Il Terrazzuolo, nel modenese), della berta maggiore (500 esemplari allo Stagno di Calich, Sassari), dell’albanella pallida e dell’albastrello (Pantani di Cuba e Longarini) e, inoltre, un flusso migratorio ancora sorprendentemente attivo di balia nera e falco pecchiaiolo. La specie più vista in Italia è stata lo storno (13.800 esemplari), seguito dal gabbiano reale (4.750) e dalla folaga (3.470)».

In Italia delle quattro gare di birdwatching  in programma, tre sono state vinte dalla Lipu Ragusa, che si è aggiudicata 3 premi su 4 (gara 1, ossia l’osservazione del combattente, gara 2, l’osservazione del prispolone; gara 3: il maggior numero di specie registrate), mentre il premio per il maggior numero di partecipanti (150) è andato alla Lipu di Ostia con gli eventi al Centro habitat mediterraneo.