Sospetto avvelenamento volpi nel Parco nazionale d’Abruzzo

Dall’Ente Parco annunciano esami tossicologici approfonditi

[7 ottobre 2015]

volpe avvelenamento parco abruzzo

A seguito del ritrovamento di due carcasse di  esemplari di volpe  nei giorni scorsi nei pressi della località “Amplero”, tra i Comuni di Villavallelonga e Collelongo, nella zona di protezione esterna del Parco, nella giornata di oggi, martedì 6 ottobre, ed in quella di ieri, sono stati svolti dei controlli sul territorio, con una operazione congiunta tra Guardiaparco e Agenti del Corpo Forestale dello Stato, con l’ausilio del nucleo cinofilo antiveleno del CFS del Gran Sasso-Laga, nel corso della quale sono stati rinvenuti due bocconi avvelenati, 2 cornacchie ed un’altra di volpe morte.

Le operazioni di “bonifica” hanno riguardato una vasta area compresa tra la località “Le Querce” e “Amplero”, tra i Comuni di Villavallelonga e Collelongo, con l’utilizzo di 5 cani per ogni giornata e 7 conduttori, oltre a 12 Guardiaparco e 12 Agenti del Corpo Forestale dello Stato.

Le carcasse degli animali rinvenuti sono stati analizzati dal veterinario del Parco che in relazione alle condizioni del ritrovamento e con riferimento a casi precedenti ha avanzato un’ipotesi di sospetto avvelenamento, inviandole all’Istituto Zooprofilattico d’Abruzzo e Molise di Teramo per gli esami specifici (analisi chimiche e necroscopiche), le sole che ci potranno rivelare le cause della morte degli animali.

Sarà cura dell’Ente Parco portare a conoscenza dei mezzi di informazione i risultati degli esami non appena saranno comunicati, anche se è da premettere, per le prove tossicologiche approfondite sono necessari, normalmente, diversi giorni.

di Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise