Star Wars, l’ultimo Jedi e la Bolivia

Grazie ai film l’ambiente boliviano attira sempre più turisti

[28 dicembre 2017]

Il più recente episodio di Star Wars “Gli ultimi Jedi”, è solo uno dei molti film che mostrano i  meravigliosi e “alieni” paesaggi della Bolivia. infatti nel 2017 il Consejo Nacional de Cine (Conacine) della Bolivia ha concesso a produttori stranieri 54 licenze per girare film sul territorio dell’Estado Plurinacional de Bolivia, dando così’ un forte impulso alla cultura e al turismo nel Paese andino governato dal socialista Evo Morales.

Il direttore di Conacine, Iván Rivas, ha sottolineato che «Esportare all’estero la ricchezza culturale e turistica attraverso i film e le reti televisive sono occasioni che devono essere sfruttate al massimo».

Probabilmente il governo di sinistra di La Paz non avrebbe mai pensato che uno dei gioielli della Bolivia, il Salar de Uyuni, il più grande deserto di sale del nostro pianeta, diventasse il campo di battaglia di una guerra aliena tra il Primo Ordine e la Repubblica ribelle nell’episodio VIII della  saga de Star Wars e che l’ultimo Jedi, Luke Skywalker, combattesse proprio lì il suo ultimo duello contro Kylo Ren/Ben Solo e il lato oscuro della forza.

Ma il colossal fantascientifico statunitense è solo l’ultimo di molti film usciti o in uscita nelle sale di tutto il mondo girati in Bolivia e il governo di La Paz ricorda anche Left For Dead, Tenkuu no Rakuen e i documentari Our Planet, Wingin’ It, Andes Animal Kingdom e Los Andes.