Strage di cetacei in Nuova Zelanda: spiaggiati 145 globicefali (VIDEO)

Altri spiaggiamenti di 12 ferese, un capodoglio e una cogia di De Blainville

[26 novembre 2018]

Il Department of consevation – Te Papa Atwabai (Doc) della Nuova Zelanda ha annunciato che  due branchi di globicefali (Globicephala melas) si sono arenati all’estremità meridionale di Mason Bay, a circa 2 km di distanza l’uno dall’altro. I globicefali spiaggiati sono stati trovati da un’escursionista

I cetacei in difficoltà erano stati segnalati al Doc alle 22.30  e Ren Leppens,  direttore delle operazioni del Doc sulla spiaggia di Rakiura a Stewart Island, ha detto che «Purtroppo, metà dei cetacei era già morto quando sono stati trovati. A causa delle condizioni dei  cetacei superstiti e del luogo remoto, difficile da raggiungere, è stata presa la decisione di effettuare eutanasia per il resto. Purtroppo, la probabilità di riuscire a far nuotare nuovamente i globicefali rimanenti era estremamente bassa. La posizione remota, la mancanza di personale nelle vicinanze e il deterioramento dei cetacei significava che la cosa più umana da fare era quella dell’eutanasia.  Tuttavia, è sempre una decisione che ti spezza il cuore»

Il Doc ha informato il l Ngāi Tahu iwi locale (l’ente di gestione maori) e stanno lavorando insieme per capire come risolvere la cosa.

Il Doc ricorda che «Gli arenamenti di mammiferi marini sono un evento relativamente comune sulle coste della Nuova Zelanda«, in media circa 85 all’anno, per lo più di singoli animali. «Perché esattamene si spiaggi un branco di balene o delfini non è del tutto noto, ma i fattori possono includere malattia, errore di navigazione, caratteristiche geografiche, un rapido calo della marea rapidamente, l’inseguimento da parte di un predatore o condizioni meteorologiche estreme. A uno spiaggiamento può contribuire più di un fattore».

Il problema è che negli ultimi giorni in Nuova Zelanda si sono verificati numerosi spiaggiamenti: domenica 12 ferese (Feresa attenuata), rari cetacei che vengono avvistati raramente e che vengono chiamati Pygmy Killer Whale, si sono arenate aulla Ninety Mile Beach di Rakiura..  A Doubtful Bay sulla penisola di Karikari nel Northland, probabilmente venerdi, si è arenato anche un maschio di capodoglio (Physeter macrocephalus) lungo 15 metri. Un altro raro mammifero, una cogia di De Blainville (Kogia breviceps), chiamata anche capodogli pigmeo, è stato m trovato morto sulla costa di Ohiwa.

Sul posto dello spiaggiamento delle ferese è intervenuto il Project Jonah New Zealand e i ricercatori dicono che «Otto sono vive e vengono spostate dalla spiaggia di Ninety Mile Beach sulla est coast fino a Rarawa Beach on the east coast. Le condizioni sulla costa orientale sono più tranquille e c’è un torrente dove i cetacei possono essere tenuti la notte.  I nostri medici del Northland sono stati mobilitati e il Doc chiede l’aiuto di volontari per domani (martedì 27 novembre) dalle 6.30 del mattino».

Videogallery

  • Video of the pilot whale stranding