Anche le piccole aree sottoposte alla valutazione ambientale strategica (vas)

[25 luglio 2013]

La Vas (valutazione ambientale strategica) sempre di più uno strumento per lo sviluppo sostenibile e riportiamo come paradigma l’ultima pronuncia della Consulta per la Valutazione Ambientale Strategica, per cui la verifica di assoggettabilità va sempre fatta. È incostituzionale infatti  la norma regionale (Regione Liguria) che esclude dalla verifica di assoggettabilità alla VAS per piani e programmi di piccole dimensioni, in contrasto con le previsioni nazionali del Dlgs 152/2006, inderogabili dalle Regioni. Lo ha deciso la Corte Costituzionale che con la sentenza 4 luglio 2013, n. 178 ha bocciato la norma ligure (Lr 38/1998) che esonerava dalla verifica di assoggettabilità alla VAS piani e programmi aventi ad oggetto l’uso di piccole aree a livello locale e le modifiche minori dei piani e dei programmi, se di scarso impatto sull’ambiente. Né la direttiva 2001/42/Ce né il Codice dell’ambiente (articolo 6, Dlgs 152/2006) prevedono tale esonero. La competenza in materia “tutela dell’ambiente” è esclusiva statale e la Regione non può dettare una disciplina meno restrittiva di quella statale. La Corte ha anche cassato altre due norme della legge ligure 38/1998 in parola, in materia di verifica di assoggettabilità alla Via (Valutazione di Impatto Ambientale) nella parte in cui non prevedono che l’avviso della avvenuta richiesta della verifica sia pubblicato anche sull’Albo pretorio dei Comuni interessati e che il provvedimento finale della verifica vada pubblicato integralmente sul sito web della Regione.

Breviario : La Valutazione Ambientale Strategica

La Valutazione ambientale strategica (Vas) è un processo volto ad assicurare che nella formazione e approvazione di un piano o programma, siano presi in considerazione, in modo adeguato, gli impatti significativi sull’ambiente che è prevedibile deriveranno dall’attuazione dello stesso. Il Decreto Legislativo 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, “Norme in materia ambientale”, introduce in tutta Italia la Valutazione Ambientale Strategica, prevista dalla direttiva europea n. 42/2001, concernente la Valutazione degli impatti di determinati piani e programmi sull’ambiente.

Il recepimento della Direttiva Vas in Sicilia

L’emanazione della direttiva 42/2001/CE del 27 Giugno 2001 sulla Valutazione ambientale dei piani e programmi costituisce, come è noto, l’atto conclusivo di un più che decennale percorso scientifico, culturale ed istituzionale, che ha consentito di mettere a fuoco, sempre più nitidamente, la necessità di introdurre, all’interno delle procedure di pianificazione e di programmazione, strumenti di partecipazione ai processi decisionale, orientati a garantire una piena considerazione degli effetti ambientali. L’applicazione di tali principi e delle nuove metodologie valutative nei tradizionali processi di formazione del piano non è risultata tuttavia, in Italia, come anche in altri paesi europei, di immediata attuabilità ed ha richiesto una lunga fase di sperimentazione. La vicenda del recepimento della Direttiva europea 2001/42/CE, già lunga e complicata a livello nazionale, diventa quasi indecifrabile se si assume come riferimento la Regione Siciliana; qui infatti il sovrapporsi di iniziative regionali a quelle statali ha finito per determinare un groviglio normativo nel quale ancora oggi risulta difficile districarsi. Dedicheremo un intero articolo alla vicenda Siciliana con una intervista al Prof. Ing. Giuseppe Trombino Ordinario di Urbanistica (SSD ICAR21) presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Palermo.

Nelle more seguiamo la magistrale dissertazione sulla Vas : «Cos’è il VIA e il VAS», di Maria Rosa Vittadini tenutosi a Rovereto il 20 marzo 2009  durante serata “Che Aria Tira?”.

Maria Rosa Vittadini insieme a Eliot Laniado possono considerarsi a buon titolo tra i principali studiosi italiani che hanno contribuito insieme a Francesco La Camera alla promozioni e alla diffusione della  cultura della Valutazione Ambientale Strategica in Italia.

Videogallery