Ucciso lo spagnolo Alonso Hernandez

Brasile, ambientalista assassinato dopo 10 anni in difesa della foresta

Aumentano le violenze contro gli ambientalisti, la denuncia del Wwf

[9 agosto 2013]

Il Wwf Brasil si è detto indignato e sdegnato per i recenti attacchi contro gli ambientalisti, avvenuti negli Stati di rSanta Catarina e Rio de Janeiro.

Wigold Schaffer e Miriam Prochnow, del’Associação de Preservação do Meio Ambiente e da Vida (Apremavi) sono stati prima picchiati e poi presi in ostaggio sotto la minaccia delle armi e minacciato di morte da un cacciatore, quando, il 6 agosto, i due coniugi stavano controllando la loro proprietà ad Atalanta, a Santa Catarina, per impedire il bracconaggio.

Sempre il 6 agosto è stato assassinato a Rio Claro, a sud di Rio de Janeiro, il biologo spagnolo Gonzalo Alonso Hernandez. Il suo cadavere galleggiava in un fiume, nei pressi di una cascata, nel Parque Estadual Cunhambebe (Distrito de Lídice), con colpi di arma da fuoco alla testa. Da più di 10 anni Hernandez viveva nella zona con sua moglie Maria de Lurdes Pena Campos e si era spesso scontrato con  bracconieri e palmiteiros illegali per difendere le specie protette.

Mariana Vilar, dell’Instituto Terra de Preservação Ambiental (Itpsa) dice che «Molta gente del posto criticava la severità con cui lui sorvegliava il parco. Le leggi esistono, ma noi ambientalisti siamo molto vulnerabili e non possiamo contare su un apparato di sicurezza».

Il Wwf Brasil denuncia: «Minacce, violenze e uccisioni di ambientalisti, purtroppo, sono diventate ricorrenti ed in crescita in tutto il Paese. Le campagne per indebolire le leggi ambientali e screditare i gruppi della società civile mobilitati in loro difesa hanno finito per aggravare questa tendenza. Nel XXI secolo, le persone che si battono per il bene comune di tutti i brasiliani, oggi e per le future generazioni, sono ancora oggetto di vessazioni e vengono brutalmente attaccate in nome di un modello di progresso obsoleto, arrogante e cieco, e ci sono prove che degrada e impoverisce gli ecosistemi ed esaurisce le loro risorse. Alla luce di questi fatti gravi, Wwf Brasil si  aspetta un’indagine rapida ed efficace, così come una punizione esemplare dei responsabili».

Il Wwf e le altre associazioni che si battono per d salvare l’ambiente del Brasile chiedono anche «L’immediata protezione ufficiale per le loro famiglie e per tutti gli altri ambientalisti minacciati, evitando così rappresaglie e nuove morti».