Online l’ultimo dossier sulla qualità dell’aria

Calabria, ecco che aria si respira attorno alla centrale termoelettrica Edison

Tutti i dati dell’Arpacal incentrati sul comprensorio di Altomonte, area di ricaduta dell’impianto

[6 maggio 2014]

Un leggero miglioramento, rispetto alle annualità precedenti, dei valori di ozono e benzene, con una sostanziale stabilità degli altri fattori inquinanti misurati. E’ quanto emerge dal report annuale sull’andamento della qualità dell’aria nel comprensorio di Altomonte (CS), dove è attiva una centrale turbogas dell’Edison, che l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria (Arpacal) ha reso pubblico questa mattina sul proprio sito web, nella sezione Dati Ambientali alla voce Qualità Aria provincia Cosenza.

I parametri rilevati  sono quelli prescritti dal ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio ossia: ossidi di azoto, monossido di carbonio, BTX, ozono e PM10. I rapporti stilati dall’Arpacal sono, quindi, riferiti alla qualità dell’aria nei siti individuati essere rappresentativi della ricaduta della Centrale. Le centraline, infatti, sono di tipo industriale, ossia stazioni situate in posizione tale che il livello di inquinamento monitorato sia influenzato prevalentemente da singoli fonti industriali.

Le aree maggiormente interessate dalla ricaduta della centrale termoelettrica Edison di Altomonte, sono monitorate attraverso due centraline di rilevamento della qualità dell’aria posizionate, a seguito di precisi studi condotti dalla Edison ottemperando alle prescrizioni del Ministero dell’Ambiente, in due siti: uno nel comune di Firmo e uno nel comune di Saracena.

Il monitoraggio dell’aria nell’area di ricaduta della centrale Edison di Altomonte – curato dal Servizio tematico Aria del Dipartimento provinciale di Cosenza dell’Arpacal – è stato attivato in base ad una convenzione con l’Edison in vigore dal 2006.

di Arpacal