Il 2016 continua a battere tutti i record di caldo e scioglimento del ghiaccio marino artico (VIDEO)

Nasa: El Niño, ma è la tendenza di fondo che sta producendo questi numeri da record

[20 luglio 2016]

Clima Nasa

Secondo i risultati delle analisi dei dati terrestri e satellitari raccolti dalla Nasa, «Due indicatori chiave del cambiamento climatico – la temperatura della superficie terrestre e l’estensione del ghiaccio marino artico – hanno battuto numerosi record nella prima metà del 2016».

Gli scienziati del Goddard institute for space studies (Giss) della Nasa dicono che «Ognuno dei primi 6 mesi del 2016 ha stabilito un record come il rispettivo mese più caldo a livello mondiale nei dati della  temperatura moderna, che risale al 1880» e che «Anche il periodo di 6  mesi da gennaio a giugno è stato il più caldo semestre del pianeta secondo i dati, con una media di temperatura 1,3 gradi Celsius (2,4 gradi Fahrenheit), più calda rispetto alla fine del XIX secolo».

In base alle analisi del Goddard Space Flight Center della Nasa, 5 dei primi 6 mesi del 2016 hanno anche battuto il record della minore estensione di ghiaccio marino artico dal 1979, quando sono iniziate le rilevazioni satellitari. L’unico mese a fare eccezione è stato marzo, che ha comunque segnato la seconda minore estensione di ghiaccio marino artico.

Gli scienziati della Nasa dicono che «Mentre questi due indicatori fondamentali del clima hanno battuto tutti i record nel 2016, è più significativo il fatto che la temperatura globale e il ghiaccio marino artico stanno continuando i loro trend di cambiamento pluridecennali. In ultima analisi, entrambe le tendenze sono guidate dall’aumento della concentrazione di anidride carbonica e di altri gas serra nell’atmosfera».

Al picco della stagione di scioglimento estiva, l’estensione del ghiaccio marino artico in genere copre il 40% dell’area in meno di quanto facesse alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ‘80. L’estensione del ghiaccio marino artico a settembre, il punto più basso stagionale del ciclo annuale, si è ridotta a un tasso del 13,4%  per decennio.

Il direttore del Giss,  Gavin Schmidt, sottolinea: «Mentre l’evento di El Niño nel Pacifico tropicale quest’inverno ha dato una spinta alle temperature globali a partire da ottobre, è la tendenza di fondo che sta producendo questi numeri da record»,

Il precedente El Niño nel 1998 aveva innalzato le temperature a quelli che allora erano livelli record, ma nel 2016, le temperature globali sono aumentate ben oltre quelli di 18 anni fa, a causa del  riscaldamento globale che ha continuato la sua marcia anche quando è calata la forza di El Niño.

Per Walt Meier, un glaciologo marino della Nasa Goddard, «La tendenza globale l’aumento delle temperature è superata dal riscaldamento regionale nella regione artica, Finora è stato un anno record per le temperature globali, ma le alte temperature record nell’Artico negli ultimi 6 mesi sono state ancora più estreme. Quest’anno, questo caldo, così come i modelli meteo insoliti hanno portato al record delle minori estensioni di ghiaccio  marino»

La Nasa raccoglie i dati delle temperature e del  ghiaccio marino per capire come funziona il sistema Terra e come il nostro pianeta sta cambiando. Oltre a gestire 19 missioni spaziali di osservazione della Terra, la Nasa ha anche ricercatori che indagano in tutto il mondo sui diversi aspetti del pianeta e che ora stanno nell’Artico per capire meglio sia i processi dei maggiori driver dello scioglimento del ghiaccio marino che gli impatti dell’aumento delle temperature sugli ecosistemi artici.

Videogallery

  • NASA Sees Temperatures Rise and Sea Ice Shrink - Climate Trends 2016