Buone notizie: il buco dell’ozono si riduce, potrebbe richiudersi nel 2050

Un caso di grande successo ambientale. Ora tocca ai cambiamenti climatici

[11 settembre 2014]

Grazie all’azione internazionale concertata contro le sostanze dannose per l’ozono, lo strato protettivo che difende la terra dai raggi ultravioletti solari si sta ricostituendo e il «buco potrebbe richiudersi nei prossimi decenni». A dirlo è l’Assessment for Decision-Makers: Scientific Assessment of Ozone Depletion: 2014, realizzato da più di 300 scienziati del Global Ozone Research and Monitoring Project della World Meteorological Organization (Wmo),  United Nations Environment Programme (Unep), National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) , Nasa e Commissione europea, ed è il primo aggiornamento globale in 4 anni.

La sintesi del rapporto fornisce alcuni dati: così come prevede il protocollo di Montreal, entro la metà del secolo lo strato di ozono dovrebbe ritornare ai livelli del 1980 alle medie latitudini e nell’Artico, ci vorrà un po’ di più in Antartide.

Gli accordi discendenti dal Protocollo di Montreal e hanno portato alla diminuzioni in atmosfera di gas come i clorofluorocarburi (CFC) e gli halon, che venivano utilizzati m nei frigoriferi, nelle bombolette spray e nelle schiume isolanti o ignifughe.

La maggiore diminuzione dell’ozono in atmosfera nella maggior parte del mondo è avvenuta durante gli anni ‘80 ed all’inizio degli anni ’90, poi è rimasto relativamente immutato dal 2000, ma ci sono recenti indicazioni di un suo futuro recupero.

Il buco dell’ozono sopra l’Antartide continua a comparire ogni primavera e si prevede che sui manifesti per la maggior parte di questo secolo, dato che sostanze dannose dell’ozono persistono nell’atmosfera, anche se le loro emissioni sono cessate.

La stratosfera artica nell’inverno/primavera del 2011 è stata particolarmente fredda, il che ha portato al grave  impoverimento dell’ozono che avviene in queste condizioni.

E’ indubbio che il Protocollo di Montreal ha contribuito enormemente alla riduzione delle emissioni globali di gas serra. Nel 1987, le sostanze dannose per l’ozono contribuivano con circa 10 miliardi di tonnellate di CO2 equivalenti all’anno, il Protocollo di Montreal le ha ridotte di oltre il 90%, circa cinque volte più grande rispetto al target annuo di riduzione delle emissioni per il primo periodo di impegno (2008-2012) del protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici. Senza gli accordi presi dopo l’approvazione del Protocollo di Montreal  i livelli atmosferici delle sostanze che riducono lo strato di ozono sarebbero aumentati di 10 volte entro il 2050 e in un comunicato Wmo ed Unep sottolineano che «Secondo i modelli globali, il protocollo entro il 2013 avrà impedito 2 milioni di casi di cancro della pelle ogni anno, scongiurato danni alla vista ed al  sistema immunitario degli esseri umani e proteggendo la fauna selvatica e l’agricoltura».

Il rapporto sottolinea che «l’eliminazione delle sostanze che riducono lo strato di ozono ha avuto uno spin-off positivo per il clima globale perché molte di queste sostanze sono anche potenti gas serra». Ma  l’Assessment for Decision-Makers  avverte che «il rapido aumento di alcuni sostituti, che sono anch’essi potenti gas serra, ha il potenziale per minare questi vantaggi» ma aggiunge anche che «Sono possibili approcci per evitare gli effetti climatici dannosi di questi sostituti».

Gli idrofluorocarburi (HFC) non danneggiano lo strato di ozono, ma molti di loro sono potenti gas serra e attualmente rappresentano circa 0,5 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 equivalente all’anno. Queste emissioni stanno crescendo ad un tasso di circa il 7% cento all’anno, se il trend continua, potrebbero  contribuire in modo significativo al cambiamento climatico nei prossimi decenni. La sostituzione dell’attuale mix di “high-GWP HFC” con composti alternativi come il “low GWP”  o tecnologie “not-in-kind” potrebbero limitare questo potenziale problema.

Il direttore esecutivo dell’Unep, Achim Steiner, sottolinea: «Ci sono indicazioni positive che lo strato di ozono è sulla buona strada per il recupero verso la metà del secolo. Il Protocollo di Montreal, uno dei trattati ambientali di maggior successo al mondo, ha protetto lo strato di ozono stratosferico e ha evitato che una maggiore radiazione UV raggiungesse la superficie terrestre. Tuttavia, le sfide che abbiamo di fronte sono ancora enormi. Il successo del Protocollo di Montreal dovrebbe incoraggiare ulteriori iniziative non solo per la protezione e ripristino dello strato di ozono, ma anche sul clima. Il 23 settembre, il Segretario Generale delle Nazioni Unite ospiterà i capi di Stato di New York, nel tentativo di catalizzare l’azione globale sul clima. La comunità del Protocollo di Montreal, con i suoi risultati tangibili, è in grado di fornire una forte evidenza che la cooperazione globale e l’azione concertata sono gli ingredienti fondamentali per garantire la protezione dei nostri beni comuni globali».

Il buco dell’ozono sopra l’Antartide ha causato cambiamenti significativi nel clima dell’emisfero australe in estate. La riduzione dell’ozono ha contribuito al raffreddamento della stratosfera più bassa il che è molto probabilmente la causa dominante dei cambiamenti osservati nella circolazione atmosferica estiva dell’emisfero sud  negli ultimi decenni, con conseguenze per la temperatura della superficie, le precipitazioni e gli oceani. Nell’emisfero settentrionale, dove l’impoverimento dell’ozono è  minore, non c’è un legame forte tra la riduzione dell’ozono stratosferico e clima troposferico.

Unep e Wmo dicono che «quel che succederà allo strato di ozono nella seconda metà del XXI secolo dipenderà in larga misura dalle concentrazioni di CO2, metano e protossido di azoto: i tre principali gas serra a lunga vita in atmosfera. Nel complesso, CO2 e metano tendono ad aumentare i livelli di ozono a livello mondiale. Al contrario, il protossido di azoto, un sottoprodotto della produzione alimentare, è sia un potente gas serra che un gas riduce l’ozono ed in futuro è destinato a diventare più importante per la deplezione dell’ozono.

Il segretario generale della Wmo, Michel Jarraud, conclude: «L’azione internazionale sullo strato di ozono è una grande storia di successo ambientale. Questo ci deve incoraggiare a visualizzare lo stesso livello di urgenza e di unità per affrontare la sfida ancora più grande dei cambiamenti climatici. Questa ultima valutazione fornisce ai decision-makers una solida base scientifica sull’intricata relazione tra ozono e clima e la necessità di misure reciproche di sostegno per proteggere la vita sulla terra per le generazioni future. Le attività umane continueranno a cambiare la composizione dell’atmosfera. Pertanto, il programma Global Atmosphere Watch della Wmo continuerà la sua attività essenziale  di monitoraggio, ricerca e valutazione  per fornire i dati scientifici necessari per comprendere e, infine, prevedere i cambiamenti ambientali, come ha fatto per i  25 anni passati».