Filippine, ancora aiuti dalla Toscana a un mese dal tifone Haiyan

[10 dicembre 2013]

Lo scorso 8 novembre Haiyan, uno dei tifoni più forti che mai abbiano soffiato sulla terra negli ultimi decenni, ha causato la distruzione di 44 province nelle Filippine, nelle isole di Visayas, Nord Mindanao e Sud Luzon: sono stati registrati oltre 5.200 morti e 23 mila feriti. Oltre 10 milioni le persone (la metà bambini) colpite. Quasi tre milioni i bambini rimasti senza casa (molti di loro hanno perso le famiglie) e più di 12 mila le scuole, gli asili, i centri per l’infanzia devastati in zone già caratterizzate, tra l’altro, da alti tassi di povertà. Nei giorni immediatamente successivi alla tragedia, anche la Regione Toscana si è mossa in soccorso delle popolazioni colpite rifornendo il centro di smistamento di Brindisi, di  farmaci e altro materiale.

La fase critica nelle Filippine non è ancora finita e anche nella post-emergenza continua l’impegno della nostra Regione per aiutare le comunità locali. Grazie a un progetto presentato da Arci Toscana come capofila, da Oxfam Italia come partner e finanziato dalla Regione Toscana, da attuare nel Samar Orientale, una fra le province delle Filippine più colpita dal tifone, tremila persone, di cui la metà bambini, potranno usufruire di servizi sanitari e di assistenza psico-sociale; almeno mille famiglie saranno aiutate a riprendere le attività economiche e sarà costruito e avviato un centro polivalente per l’infanzia. In tutto saranno circa 6mila le persone aiutate in modo diretto e circa 8 mila le famiglie che potranno avere benefici indiretti. «La presenza in Toscana di una nutrita comunità filippina e di un consolidato partenariato in attività di cooperazione decentrata pro loco – ha sottolineato il presidente Enrico Rossi – ha consentito anche di muoversi su un progetto legato alla post emergenza».

In particolare, il progetto prevede la realizzazione di punti per assistenza sanitaria e psicologica alle famiglie colpite dal tifone, il ripristino di sistemi idrici, l’organizzazione di corsi formativi per l’utilizzo dell’acqua, le norme igieniche di base, la prevenzione di malattie, il sostegno alla costituzione di cooperative nella pesca e nell’agricoltura puntando sulle donne intese come elemento fondamentale per la sussistenza delle famiglie colpite.

Verranno anche distribuiti sementi (in particolare riso) e attrezzi agricoli. Sarà costruito, in località Balangkayan, un centro polivalente per bambini da usare come asilo nido, scuola materna, centro per dopo scuola. Per la realizzazione del progetto, che avrà durata di 12 mesi e per cui sono stati stanziati 110 mila euro sul Piano integrato delle attività internazionali, Arci Toscana e Oxfam Italia lavoreranno insieme ai rispettivi partner filippini.