«Le soluzioni favorevoli al clima si trovano dappertutto»

Il mondo che ti piace, con il clima che ti piace: l’Ue tira le fila dell’iniziativa

[20 dicembre 2013]

Oggi si conclude ufficialmente la campagna “Il mondo che ti piace. Con il clima che ti piace”  promossa dalla Commissione europea , che tira un bilancio dell’Iniziativa: «Pensiamo alla possibilità di riscaldare gli spazi pubblici con energia pulita, generata dalle persone che li frequentano. E immaginiamo gli ascensori delle case attivati dall’energia solare, gli alimenti prodotti con un dispendio minimo di risorse idriche o energetiche e una tecnologia che consente di verificare l’impatto ambientale del nostro carrello della spesa. Vi sembra fantascienza? E invece no. Perché queste sono solo alcune delle soluzioni rispettose del clima individuate attraverso World You Like. With a Climate You Like».

L’iniziativa si iscriveva nel solco della “Roadmap for moving to a competitive low-carbon economy in 2050”, presentata dalla Commissione Ue nel marzo 2011, che «Stabilisce percorsi per una riduzione non solo significativa ma anche efficiente sotto il profilo dei costi delle emissioni da parte dei principali settori economici». Secondo la roadmap europea «Lo sviluppo di un’economia low carbon richiederà maggiori investimenti in tecnologie pulite e infrastrutture, ad esempio in reti elettriche intelligenti, e ridurrà quindi drasticamente le spese per l’importazione di petrolio e gas».

Entro il 2020, l’Ue mira a ridurre del 20% le emissioni di gas serra, a migliorare l’efficienza energetica del 20% e ad aumentare del 20% la quota di energie rinnovabili nel suo mix energetico. Un obiettivo praticamente già raggiunto per le emissioni, visto che nell’Ue sono già inferiori del 18% rispetto ai livelli  del 1990

Fin dal suo avvio nell’ottobre 2012, la campagna dell’Ue, che puntava  a promuovere soluzioni pratiche, innovative ed efficienti sotto il profilo dei costi per contrastare i cambiamenti climatici, ha invitato cittadini, imprese e organizzazioni di a far conoscere e scambiarsi le migliori soluzioni climatiche, concentrandosi su 5 settori: viaggi e trasporti, edilizia e ambienti di vita, produzione e innovazione, acquisti e alimentazione, riutilizzo e riciclaggio. La Commissione dice che «La campagna ha individuato moltissime soluzioni innovative ed efficienti sotto il profilo dei costi che dimostrano in che modo i cittadini europei agiscono quotidianamente a favore del clima» e la commissaria Ue all’azione climatica, la danese Connie Hedegaard, sottolinea: «In tutta Europa fioriscono idee creative e progetti concreti per una società a basse emissioni di carbonio, che dimostrano come le azioni a favore del clima possano far risparmiare denaro, creare posti di lavoro e generare crescita. Ora tocca a noi far sì che queste soluzioni diventino la norma e contribuiscano a creare il mondo che ci piace, con il clima che ci piace!»

Un elemento fondamentale della campagna è stato il concorso “Un mondo come piace a te”, che invitava i creativi di tutta l’UE a mettere alla prova le loro proposte innovative a basse emissioni di carbonio. A vincere è stato il progetto portoghese “Pascoli rispettosi della biodiversità” «Grazie alla sua soluzione veramente innovativa per ridurre le emissioni di CO2, migliorando al contempo la resilienza e la produttività dei pascoli».

E’ stata premiata anche una proposta a favore del clima in ciascuno dei 5 Paesi destinatari della campagna:  Bulgaria, Lituania, Italia, Polonia e Portogallo e la Commissione spiega che «Il vincitore bulgaro ha dimostrato che un’iniziativa di compostaggio intrapresa a livello locale può contribuire a ridurre le emissioni derivanti dai rifiuti. In Lituania, lo studio di progettazione vincitore ha sfruttato la propria creatività per trasformare in gioielli e accessori degli oggetti che altrimenti finirebbero tra i rifiuti. In Polonia e in Italia sono stati premiati progetti per la costruzione di alloggi a basso consumo energetico e a basse emissioni che rendono accessibili a tutti le soluzioni per vivere nel rispetto del clima».

L’iniziativa “Il mondo che ti piace”, che si è avvalsa della collaborazione 320 partner provenienti da tutti i settori della società,  ha raggiunto milioni di cittadini europei grazie ad un sito internet interattivo, ai social media, ai mezzi di comunicazione elettronici ed ad eventi per la stampa o per il pubblico che si sono svolti in numerosi Stati membri dell’Ue. In tutto sui social-media hanno interagito con World You Like. With a Climate You Like più di 70.000 persone e l’iniziativa ha ricevuto il sostegno di leader politici e di personaggi famosi, come il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, e l’attore Colin Firth.