La legna carbonizzata degli incendi boschivi potrebbe accelerare le emissioni di CO2

Crescono meno le radici fini degli alberi. A rischio i pozzi di carbonio delle foreste boreali

[29 dicembre 2017]

Secondo lo studio  “Fire-derived charcoal might promote fine root decomposition in boreal forests”, pubblicato su  Soil Biology and Biochemistry da Semyon Bryanin ed Evgeniya Abramova, dell’Accademia delle scienze russa,  e da Kobayashi Makoto dell’università di Hokkaido, la legna carbonizzata che rimane dopo un incendio boschivo favorisce la decomposizione delle radici fjni degli alberi, accelerando così potenzialmente le emissioni di CO2 nelle foreste boreali.

Il problema è che le foreste boreali sono un enorme pozzo di carbonio e che le radici fini, così come le foglie, i tronchi e i rami degli alberi, contribuiscono  ad immagazzinare carbonio.

Nell’Estremo Oriente russo gli incendi boschivi sono in costante aumento e si ritiene che la causa di molti siano il riscaldamento globale e le attività antropiche.

I ricercatori russi e giapponesi sottolineano che «La combustione di alberi negli incendi boschivi provoca naturalmente l’emissione di CO2 , ma poco si sa sulla misura in cui il carbone derivato dal fuoco influenza i processi degli ecosistemi, come la decomposizione della materia organica del suolo».

Bryanin, Abramova e Kobayashi hanno eseguito esperimenti sulla lettiera della foresta durante 515 giorni, incubando  prima le radici sottili di larice a diverse concentrazioni di carbone nel terreno e poi misurando la perdita di massa delle radici fini in ciascuna delle quattro condizioni riprodotte: di controllo (senza carbone di legna); tenore medio di carbone misurato sul campo; il doppio del contenuto medio del carbone  misurato sul campo;  contenuto di carbone uguale alla concentrazione massima nel campo.

Secondo i risultati, il carbone  di legna ha avuto scarso effetto sulla decomposizione delle radici fini subito dopo il loro interramento, ma alla fine dell’esperimento, la perdita di massa radicale nei campioni incubati con concentrazioni più elevate di carbone di legna è stata maggiore (40% al doppio contenuto; 42% al  contenuto massimo) rispetto alla situazione  controllo (30%) e alle condizioni di media ( 27%).

Kobayashi conclude: «Il nostro studio ha fornito le prime prove sul campo che il carbone di legna derivato dal fuoco potrebbe accelerare la decomposizione delle radici sottili di larice e di conseguenza le emissioni di CO2 delle foreste boreali».

Se, come sembra, il riscaldamento globale contribuirà ad innescare ancora più incendi boschivi come quelli che hanno devastato nel 2017 la California, la Russia e il Portogallo, la nuova scoperta potrebbe aiutare a prevedere i futuri cambiamenti nella concentrazione di CO2 nell’atmosfera.