Le esilaranti previsioni del tempo di Brad Pitt non sono uno scherzo

In Pakistan 50,2° C ad aprile. Nasa i 5 anni più caldi mai registrati tutti dopo il 2010. Si scioglie lo Stretto di Bering

[3 maggio 2018]

Il primo maggio l’attore Brad Pitt ha ripreso il suo ruolo di allegro, ma terrificante “weather man” del martedì sera nel “The Jim Jefferies Show” di Comedy Central, Pitt ha iniziato con una “barzelletta” sulla superstar del basket che gli avrebbe chiesto: «Come va il tempo laggiù?» e lui avrebbe risposto «lo stesso che è lassù: sta cambiando ad un ritmo mai visto prima nella storia dell’uomo».

Poi, di fronte a una mappa che mostrava un clima torrido ovunquew il clima caldo ovunque, la star di Holliwood ha fatto una previsione del tempo che è terminata così: «E qui a nord le calotte polari si stanno sciogliendo e io sono così, così, così spaventato».

La preoccupazione di Pitt per il riscaldamento globale è nota da oltre un decennio, ma è stato l’annuncio dato da Donald Trump che farà uscire gli Usa dall’Accordo di Parigi a convincerlo a diventare un attivista climatico e a convincerlo a febuttare come il sorridente ma cupo meteorologo che racconta che le temperature stanno salendo in tutto il mondo.

E mentre Pitt usa l’umorismo per parlare al grande pubblico di un tema spaventoso, le notizie – vere – che giungono in queste ultime settimane e mesi dalle  temperature globali record e dalle calotte glaciali che si sciolgono non fanno ridere per niente.

Il 30 marzo, un’ondata di caldo in Pakistan ha fatto salire il termometro fino a 50,2 gradi centigradi a Nawabshah circa 200 Km a nord di Karachi, molto probabilmente la temperatura più alta mai registrata in modo affidabile nel mondo ad aprile. Chris Burt, uno storico del tempo meteorologico, ha detto ad Earther  che «C’era stata una lettura di 51.0° C riportata a Santa Rosa, in Messico nell’aprile 2011, ma questa cifra è considerata di dubbia affidabilità, quindi sì, la lettura di  50.2° è probabilmente la temperatura più calda di aprile ma osservata in modo affidabile sulla Terra nei dati moderni».

Ma l’ondata di caldo estremo ad aprile ha colpito tutto il Pakistan: nella vicina Larkana la temperatura ha superato i 50* C,  il precedente record di aprile accettato per il Pakistan. (C’è un altro singolo report di 51° C, ma è difficile dire quanto sia preciso.). Secondo il giornale pakistano  Dawn  il caldo ha causato numerose morti e ha provocato l’interruzione delle attività lavorative. Nawabshah  aveva toccato i 45,5° C  a marzo, stabilendo il record assoluto delle temperature di marzo per il Pakistan.

Ma l’ondata di caldo sta soffocando una vasta area che va dall’Europa orientale all’Asia meridionale,  il 29 aprile Poltavka, in Russia, al confine con il Kazakistan, ha registrato la temperatura più calda di sempre ad aprile per la Russia  asiatica: 34,8° C. Questa bolla di caldo estremo potrebbe aver contribuito a scatenare il maltempo in Medio Oriente della scorsa settimana, bloccando la bassa pressione che ha scatenato giganteschi haboob (tempeste di sabbia), violente grandinate e inondazioni micidiali nella regione.

A gennaio, la Nasa ha detto che i 5 anni più caldi mai registrati nel mondo si sono verificati tutti a partire dal 2010 e ha pubblicato una mappa che somiglia in modo inquietante a quella del meteorologo per scherzo Brad Pitt. E anche le calotte polari si stanno davvero sciogliendo ad un ritmo record. Nell’inverno 2017 – 2018 è stato il più caldo mai registrato nell’Artico e il primo maggio abbiamo appreso che il ghiaccio dello Stretto di Bering, tra la Russia e l’Alaska, a febbraio-marzo era al livello più basso dal 1850.

Lungo la costa occidentale dell’Alaska, il sole brilla sul mare insolitamente libero dai ghiacci e nello Stretto di Bering l’estensione del ghiaccio marino ora è a meno del 10% di quello che prima poteva essere considerato “normale”.

«Siamo caduti in un precipizio», ha scritto in un tweet Rick Thoman, un climatologo del National Weather Service in Alaska. Dopo l’inverno più caldo dell’Artico da quando sono iniziate le registrazioni, la perdita di ghiaccio marino è allo stesso tempo prevedibile e scioccante e non è mai avvenuta così presto. E’ la conferma di quello che hanno definito il Nuovo Artico: un nuovo paesaggio che sta rapidamente sostituendo un ecosistema che esisteva da millenni. Le temperature artiche stanno aumentando ad un tasso doppio di quello già impressionante della media globale, il che significa che nel prossimo futuro, la regione continuerà a mostrare gli effetti di un cambiamento climatico estremo che avrà ripercussioni in tutto il mondo.

Un bel problema per chi vive nell’Alaska occidentale e nella Russia Orientale: senza il ghiaccio, le onde del Mare di Bering si abbattono su centri abitati  e porti con una violenza insolita per la primavera e le grandi tempeste oceaniche, comuni nell’estremo nord del Pacifico ora sollevano ondate alte come condomini di  5  piani. A fine di febbraio, una tempesta oceanica ha devastato la comunità di Little Diomede Island, interrompendo la fornitura di energia elettrica e danneggiando l’impianto di trattamento delle acque cittadino.  Le tempeste diventate più forti hanno costretto quest’inverno gli abitanti di Shishmaref ad abbandonare le loro abitazioni e a ricostruirle nell’entroterra, lontano dal mare.

Per i popoli nativi che vivono sulle coste del  Mare di Bering, il cambiamento climatico è già una minaccia esistenziale: Austin Ahmasuk, un leader comunitario della Bering Straits Native Association ha detto a Grist che «La perdita di ghiaccio marino ha sconvolto i tempi, gli orari e le aree della comunità in cui normalmente cacciamo i mammiferi marini legati al ghiaccio».

Da sempre la caccia a trichechi, balene e foche ha fornito gran parte del cibo alle popolazioni native dell’Alaska occidentale, ma il clima più mite sta causando molti problemi: in alcune aree, le catture di trichechi sono crollate. Ahmasuk non è ottimista: «Poche comunità sono state risparmiate dalla nuova realtà di una primavera senza ghiaccio».

Videogallery

  • Brad Pitt Returns as the Weatherman - The Jim Jefferies Show