L’Esa premia la app italiana per gestire crisi idriche e clima sulle Alpi (VIDEO)

Aiuta le autorità di bacino e turismo ad adattarsi ai cambiamenti climatici che stanno trasformando l’innevamento sull’arco alpino

[8 novembre 2017]

Si chiama Mysnowmaps ed è la app della startup MobyGIS – insediata nel Business Innovation Centre di Trentino Sviluppo a Pergine Valsugana (TN) – per la misurazione della neve per attività turistiche e anche uno strumento per determinare gli apporti idrici legati all’innevamento ed è stata premiata A Tallin, do ve è in corso la Settimana Europea dello Spazio con il secondo premio in due categorie al concorso Copernicus-Master, bandito dall’Agenzia spaziale europea, il più importante al mondo per individuare le imprese più innovative nel settore dell’analisi di dati terrestri e di lotta ai cambiamenti climatici.

A MobyGIS spiegano che «L’app, scaricabile gratuitamente e funzionante su sitemi Android e IOs, funziona in modo semplice: attraverso il contributo di esperti della montagna (maestri di sci, alpinisti e sciatori) e i dati raccolti da colonnine di monitoraggio si può misurare la quantità e qualità di neve su tutto l’arco alpino. Si raccolgono così ad esempio dati sull’altezza della neve e la quantità di neve fresca sia a grande scala che nel dettaglio. In questo modo chi lavora e si diverte sulla neve ha sempre dati accurati, per massimizzare il divertimento e la sicurezza (il sistema è infatti utilizzato da centri antivalanga come quello di Arabba nelle Alpi Bellunesi). I dati sono sempre certificati dalla community e confrontati con tutti i sistemi metrici automatici di raccolta informazioni».

Mysnowmaps non va però solo a vantaggio del solo settore turistico alpino, tra l’altro criticato dagli ambientalisti per l’eccessivo ricorso all’innevamento artificiale. «In tempi di cambiamenti climatici sempre più evidenti e di crisi idriche sempre più pesanti per l’agricoltura italiana – evidenziano a Progetto Manifattura
Trentino Sviluppo avere dati accurati sull’innevamento e sulle temperature, grazie a Mysnowmaps, permette di anticipare con accuratezza la quantità d’acqua che le montagne “rilasceranno” a primavera, aiutando le autorità di bacino a prevedere sia le piene dei fiumi che i periodi di secca causati da un ridotto innevamento. Aiutando settori come quello agricolo e idroelettrico a prevenire crisi e ad adottare strategie di resilienza e adattamento al contesto».

Matteo Dall’Amico, fondatore di MobyGIS e ideatore di Mysnowmaps, sottolinea che «Mysnowmaps è uno strumento che supporta sia l’industria turistica che le autorità di bacino, il settore idroelettrico e il mondo dell’agricoltura, fornendo dati crowd-sourced elaborati e corroborati dagli strumenti di monitoraggio, per creare previsioni sulle risorse d’acqua disponibili»

Infatti Esa ha premiato MobyGIS «per il grande valore ambientale» nel segmento “Government”, dedicato alle innovazioni per l’amministrazione pubblica, e nella sezione DLR (Centro Tedesco Aerospaziale) «per essere una delle app più importanti per il sostegno ai processi di adattamento al cambiamento climatico. Il connubio fra informazioni e scienza creerà un valore aggiunto per la comunità e per i settori economici legati al ciclo dell’acqua (business B2B) quali l’idroelettrico, l’agricoltura e gli enti pubblici deputati alla gestione del territorio».

La app oggi copre l’intero arco alpino ma può essere adattata a tutti le aree montuose del mondo, dalla Cordigliera all’Himalaya, andando a interessare importanti mercati internazionali, in zone dove l’innevamento determina la sicurezza idrica di milioni di persone. Il premio dell’Esa ricevuto da MobyGIS è una conferma dell’interesse internazionale intorno all’app Mysnowmaps. Oltre al supporto di Trentino Sviluppo per il prossimo anno MobyGIS riceverà un tutoraggio per accelerazione d’impresa sostenuto dal progetto spaziale Copernico, per migliorare il proprio software e per poter far diffondere l’impresa a livello mondiale.

Videogallery

  • Mysnowmaps Official