Maltempo, in Toscana i danni per l’agricoltura hanno già superato i 200 milioni di euro

[16 ottobre 2014]

Hanno superato 200 milioni di euro i danni subiti dall’agricoltura dall’inizio dell’anno. E’ quanto emerge da un nuovo monitoraggio di Coldiretti Toscana in seguito all’ultima devastante ondata di maltempo che ha portato ancora una volta morte e distruzione, con la Maremma che ha pagato il prezzo più alto.

Forti disagi e difficoltà nella zona di Manciano, la più segnata, per le aziende agricole, dove l’ultimo l’evento calamitoso non ha risparmiato nemmeno un’eccellenza come il Pecorino Toscano Dop con il Caseificio sociale Manciano, maggior produttore del celebre formaggio a Denominazione di origine, praticamente isolato dall’acqua e impossibilitato ad effettuare la raccolta negli allevamenti, anch’essi colpiti dall’ondata di pioggia e fango.

Disagi e difficoltà si registrano un po’ in tutte le zone “sferzate” dal maltempo che aggrava ulteriormente una situazione già molto complicata per le aziende agricole che si sono viste ridurre, a causa delle precipitazioni abbonandoti e fuori stagione, grandine, flash flood (bombe d’acqua), vento e trombe d’aria, anche fino al 90% dei fatturati dall’inizio del 2014. Non ci sono solo i danni alle produzioni agricole: il maltempo – conclude Coldiretti – ha procurato danni per milioni di euro a strutture, ricoveri agricoli, attrezzature e macchinari.