L’intervento/testamento di Barack Obama su Science

«Momentum irreversibile dell’energia pulita». Obama, il clima, le emissioni. E qualche consiglio a Trump (VIDEO)

Continuerà comunque il disaccoppiamento di emissioni e crescita economica.

[11 gennaio 2017]

obama-energia-clima

Il rilascio di anidride carbonica (CO2 ) e di altri gas serra (GHG) dovuto all’attività umana sta aumentando la temperatura media dell’aria in superficie, danneggiando i modelli meteorologici e acidificando l’oceano. Lasciata senza controllo, la continua crescita delle emissioni di gas serra potrebbe portare le temperature medie globali ad aumentare di altri 4° C o più entro il 2100 e da 1,5 a 2 volte tanto in molte località del midcontinent e far northern. Anche se la nostra comprensione degli impatti dei cambiamenti climatici è cresciuta ed è sempre più preoccupantemente chiara, c’è ancora dibattito sulla giusta rotta per la politica Usa, un dibattito che è molto in evidenza durante la transizione presidenziale. Ma mettendo da parte la politica a breve termine, l’ammontare delle prove economiche e scientifiche mi lascia fiducioso che i trends verso un’economia dell’energia pulita che sono emerse durante la mia presidenza continueranno e che la possibilità economica per il nostro paese di sfruttare questo trend potrà solo crescere. Questa Policy Forum si concentrerà su quattro motivi. Credo che il trend verso l’energia pulita sia irreversibile.

Le economie crescono, le emissioni calano

Gli Stati Uniti stanno dimostrando che la mitigazione deli GHG non deve in conflitto con la crescita economica. Piuttosto, si può aumentare l’efficienza, la produttività e l’innovazione.

Dal 2008, gli Stati Uniti hanno sperimentato il primo periodo prolungato di riduzione delle emissioni di gas serra e un simultaneo dato di rapida  crescita economica.  In particolare, le emissioni di CO2 prodotte dal settore energetico sono diminuite del 9,5% dal 2008 al 2015, mentre l’economia è cresciuta di oltre il 10%. In questo stesso periodo, la quantità di energia consumata per ogni dollaro di prodotto interno lordo reale (Pil) è scesa di quasi il 11%, la quantità di CO2 emessa per unità di energia consumata è diminuita dell’8%, e di CO2 emessa per dollaro di Pil  è diminuita del 18%.

L’importanza di questo trend può essere sottovalutata. Questo “disaccoppiamento” delle emissioni del settore energetico e della crescita economica dovrebbe far mettere da parte  la tesi secondo cui la lotta contro il cambiamento climatico richiede l’accettazione di una crescita inferiore o di un basso tenore di vita. In realtà, anche se questo disaccoppiamento è più pronunciato negli Stati Uniti, l’evidenza che le economie possono crescere, mentre le emissioni no lo fanno sta emergendo in tutto il mondo. Una sima preliminare dell’International energy agency (Iea)  sulle emissioni di CO2 legate all’energia nel 2015 rivela che le emissioni sono rimaste invariate rispetto all’anno precedente, mentre l’economia globale è cresciuta. L’Iea ha fatto notare che “ci sono stati solo quattro periodi negli ultimi 40 anni in cui i livelli di emissione di CO2 sono rimasti invariati o sono diminuite rispetto all’anno precedente, con i primi tre di questi – negli anni ‘80, nel 1992 e nel 2009 – che erano associati alla debolezza economica globale. Al contrario, la recente battuta d’arresto nella crescita delle emissioni avviene in un periodo di crescita economica”.

Allo stesso tempo, aumenta l’evidenza che qualsiasi strategia economica che ignori l’inquinamento da  carbonio imporrà costi enormi per l’economia globale e si tradurrà in un minor numero di posti di lavoro e meno crescita economica nel lungo periodo. Le stime dei danni economici dal riscaldamento di 4° C rispetto ai livelli preindustriali variano dall’1% al 5% del Pil mondiale ogni anno entro il 2100. In uno degli economic models pins più frequentemente citati, la stima dei danni annuali di un  riscaldamento di 4° C  è a ~ 4% del Pil mondiale, che potrebbe portare a una perdita entrate federali Usa da circa 340 miliardi di dollari a 690 miliardi di dollari all’anno.

Inoltre, queste stime non includono la possibilità  che l’aumento dei gas serra scateni eventi catastrofici, come ad esempio lo scioglimento più rapido delle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide, drastici cambiamenti nelle correnti oceaniche, o emissioni consistenti di gas serra da terreni e sedimenti precedentemente congelati che accelereranno rapidamente il riscaldamento. Inoltre, questi fattori stimano i danni economici, ma non affrontano la questione fondamentale se il sottostante tasso di crescita economica (e non solo il livello del Pil) sia influenzato dai cambiamenti climatici, in modo che questi studi potrebbero sottovalutare sostanzialmente il potenziale danno del cambiamento climatico sulla macroeconomia globale.

Di conseguenza, è sempre più evidente che, a prescindere dalle incertezze inerenti la predizione di futuri modelli climatici e meteorologici, gli investimenti necessari per ridurre le emissioni e per aumentare la capacità di recupero e la preparazione ai i cambiamenti climatici non possono più essere evitati: sono modesti in confronto ai benefici di evitare i danni del cambiamento climatico. Questo significa che, nei prossimi anni, Stati, località e business dovranno continuare a fare questi investimenti essenziali, oltre a fare step di buon senso per rivelare il rischio climatico per i contribuenti, i proprietari di case, gli azionisti e i clienti.  Il business globale dell’assicurazione e della riassicurazione stanno già prendendo le misure perché  i loro modelli analitici  rivelino il crescente rischio climatico.

Riduzioni delle emissioni del settore privato

Al di là del caso macroeconomico, il businesses sta arrivando alla conclusione che la riduzione delle emissioni non è solo un bene per l’ambiente, ma può anche incrementare le basi, ridurre i costi per i consumatori, e produrre rendimenti per gli azionisti.

Forse l’esempio più convincente è l’efficienza energetica. Il governo ha svolto un ruolo nel favorire questo tipo di investimenti e innovazione: la mia amministrazione ha messo in atto standard economici per il combustibile che sono utili al netto e si proiettano su tagli di più di 8 miliardi di tonnellate di inquinamento da carbonio per tutta la durata di vita dei nuovi veicoli venduti tra il 2012 e il 2029, e 44 standards per gli  elettrodomestici e nuovi codici di costruzione che si prevede taglino 2,4 miliardi di tonnellate di inquinamento da carbonio e facciano risparmiare 550 miliardi di dollari ai consumatori entro il 2030.

Ma, in ultima analisi, questi investimenti sono stati fatti da imprese che decidono di tagliare il loro spreco energetico per  risparmiare denaro e investire in altri settori della loro business. Ad esempio, Alcoa ha fissato un obiettivo di ridurre l’intensità dei gas serra del 30% entro il 2020 rispetto alla baseline  del 2005  e General Motors sta lavorando per ridurre l’intensità energetica dei suoi impianti del 20% rispetto alla sua baseline del 2011 nello stesso periodo di tempo. Investimenti come questi stanno contribuendo a quello che stiamo vedendo avvenire in tutti i settori dell’economia: il consumo totale di energia nel 2015 è stato inferiore del 2,5% a quanto fosse nel 2008, mentre l’economia è stata maggiore del 10%.

Questo tipo di corporate decision-making può far risparmiare denaro, ma ha anche la possibilità di creare posti di lavoro ben pagati.  Un rapporto pubblicato questa settimana dal Department of Energy Usa ha rilevato che ~2,2 milioni di americani sono attualmente impiegati nella progettazione, installazione e produzione di prodotti e servizi di efficienza energetica. Ciò a fronte dei circa 1,1 milioni di americani che sono impiegati nella produzione di combustibili fossili e nel loro utilizzo per la produzione di energia elettrica. Le politiche che continuano a incoraggiare le imprese a risparmiare denaro riducendo gli sprechi energetici potrebbero pagare un importante dividendo occupazionale e si basano su una più forte logica economica che il continuare con le sovvenzioni federali da quasi 5 miliardi di dollari all’anno ai combustibili fossili, una distorsione del mercato che deve essere corretta da sola o nel contesto della corporate tax reform.

Le forze di mercato nel settore energetico

Il settore elettrico-energetico americano  – la più grande fonte di emissioni di Ghg nella nostra economia – si sta trasformando, in gran parte, grazie alle dinamiche di mercato. Nel 2008, il gas naturale costituiva un  ~21% della produzione di elettricità degli Usa. Oggi arriva al ~33%, un incremento dovuto quasi interamente al passaggio dall’Alto emettitore carbone al basso emettitor gas naturale, causato principalmente dalla maggiore disponibilità di gas a basso costo grazie alle nuove tecniche di produzione. Poiché il costo della nuova produzione di energia elettrica utilizzando il gas naturale dovrebbe rimanere basso rispetto al carbone, è improbabile chela utilities cambieranno rotta e sceglieranno di costruire centrali elettriche a carbone, che sarebbero più costose degli impianti a gas naturale, a prescindere da qualsiasi cambiamento  a breve termine nella politica federale. Anche se le emissioni di metano della produzione di gas naturale sono una seria preoccupazione, le imprese hanno un incentivo economico a lungo termine per mettere in atto delle misure antispreco in linea con gli standard che la mia Amministrazione ha messo in atto, e gli Stati potranno continuare a fare importanti progressi per affrontare questo problema, a prescindere dalla politica federale a breve termine.

I costi dell’energia elettrica rinnovabile sono diminuiti drasticamente tra il 2008 e il 2015: il costo dell’energia elettrica è sceso del 41% per l’eolico, del 54% per l’installazione di fotovoltaico (PV) solare sul tetto e del 64% per il PV utility-scale. Secondo Bloomberg New Energy Finance, il 2015 è stato un anno record per gli investimenti nell’energia pulita, con queste fonti di energia che hanno attirato il doppio di capitale globale dei combustibili fossili.

Politiche pubbliche – che vanno dagli investimenti del Recovery Act alle recenti estensioni del tax credit –  hanno svolto un ruolo cruciale, ma i progressi tecnologici e le forze di mercato continueranno a guidare l’implementazione delle rinnovabili. in alcune parti degli Stati Uniti, il costo livellato dell’energia elettrica prodotta dalle nuove rinnovabili, eolico e solare è già, senza contare i sussidi per le energie rinnovabili, inferiore a quello per la nuova generazione a carbone,.

E’ per questo che l’ American businesses  si sta spostando verso fonti di energia rinnovabili. Google, per esempio, ha annunciato il mese scorso che, nel 2017, prevede di alimentare il 100% delle sue operazioni usando energia rinnovabile,  in gran parte attraverso contrati su grande scala e a lungo termine,  acquistando energia rinnovabile direttamente. Walmart, il più grande retailer nazionale, si è data l’obiettivo di ottenere il 100% della sua energia da fonti rinnovabili nei prossimi anni. E l’economy-wide, le imprese solari ed eoliche ora impiegano più di 360.000 americani, a fronte di circa 160.000 americani che lavorano nella produzione elettrica a carbone e a suo sostegno.

Al di là delle forze di mercato, la politica a livello di stato continuerà a guidare il clean-energy momentum. Stati che rappresentano il 40% della popolazione Usa continuano ad andare avanti con i piani di energia pulita e, anche al di fuori di questi Stati, l’energia pulita è in espansione. Ad esempio, nel 2015 l’energia eolica costituiva da sola il 12% della produzione di energia elettrica del Texas e, in certi periodi nel 2015 quella cifra è stata  il 40%, e nel 2015 l’eolico ha fornito il 32% della produzione totale di energia elettrica dell’Iowa, in crescita dall’8% dal 2008 (una quota più alta che in qualsiasi altro Stato).

Global momentum

Fuori dagli Stati Uniti, i Paesi e il oro business stanno andando avanti, cercando di trarre vantaggi per i loro Paesi nell’essere in testa nella gara dell’energia pulita. Questo non è sempre stato così. Poco tempo fa, molti credevano che solo un piccolo numero di Paesi avanzati avrebbe dovuto essere responsabile della riduzione delle emissioni di gas serra e contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici. Ma le nazioni hanno concordato a Parigi, che tutti i Paesi dovrebbero proporre politiche climatiche sempre più ambiziose ed essere soggette a obblighi di trasparenza e di responsabilità coerenti. Questo è stato un cambiamento fondamentale nel panorama diplomatico, che ha già dato dividendi consistenti. L’accordo di Parigi è entrata in vigore in meno di un anno e, in occasione del follow-up meeting di questo autunno a Marrakech, i Paesi hanno convenuto che, con più di 110 Paesi che rappresentano più del 75% delle emissioni globali che hanno già aderito all’accordo di Parigi, il “momentum è irreversibile” per l’azione climatica.

Anche se sarà necessario un intervento sostanziale per decenni per realizzare la visione di Parigi, l’analisi dei contributi dei singoli Paesi suggerisce che se rispetteranno i loro rispettivi obiettivi a medio termine e incrementeranno a loro ambizione negli anni a venire – insieme a investimenti crescenti nelle tecnologie dell’energia pulita –  questo potrebbe aumentare di ben il 50%  la probabilità della comunità internazionale di limitare il riscaldamento a 2° C.

Se gli Stati Uniti si allontanassero da Parigi, perderebbero il loro posto al tavolo per far rispettare agli altri paesi il loro impegno, per chiedere trasparenza e per incoraggiarne l’ambizione. Questo non significa che la prossima amministrazione deve seguire le stesse politiche interne della mia Amministrazione. Ci sono molteplici percorsi e meccanismi con cui questo Paese può raggiungere – efficientemente ed economicamente – gli obiettivi che abbiamo accolto con l’Accordo di Parigi. L’accordo di Parigi si è basa su una struttura determinata a livello nazionale nella quale ogni Paese presenta e aggiorna i propri impegni. Indipendentemente dalle politiche interne Usa, si metterebbe a repentaglio i nostri interessi economici ci si allontanerebbe dalla possibilità di ri tenere Paesi che rappresentano i due terzi delle emissioni – inclusi Cina, India, Messico, membri dell’Unione Europea e altri – responsabili a livello globale.

Questa non dovrebbe essere una questione di parte. E’ buon business e buona economia condurre una rivoluzione tecnologica e definire le tendenze del mercato. Ed è una pianificazione intelligente fissare obiettivi di riduzione delle emissioni a lungo termine e dare certezza alle companies americane, agli imprenditori e gli investitori, in modo che possano investire e produrre le tecnologie di riduzione delle emissioni che che possiamo usarle a livello nazionale e per l’esportazione verso il resto del mondo. Questo è il motivo per cui centinaia di grandi companies incluse companies del settore energetico, da ExxonMobil e Shell, a DuPont e Rio Tinto, fino a Berkshire Hathaway Energy, Calpine e Pacific Gas and Electric Company – hanno sostenuto il processo di Parigi e i leading investors  hanno impegnato 1 miliardo di dollari di capitali privati per sostenere le innovazioni dell’energia pulita che potrebbero rendere possibile una maggiore ambizione climatica.

Conclusione

Sappiamo da tempo, in base a massicci dati scientifici, che l’urgenza di agire per mitigare il cambiamento climatico è reale e non può essere ignorata. Negli anni recenti, abbiamo anche visto che la necessità di un’azione economica – e contro l’inazione- è altrettanto chiara, il business case dell’energia pulita è in crescita e il trend verso un settore energetico più pulito può essere sostenuto a prescindere dalle politiche federali a breve termine.

Nonostante l’incertezza politica che abbiamo di fronte, rimango convinto che nessun Paese sia più adatto degli Stati Uniti ad affrontare la sfida climatica e a raccogliere i vantaggi economici di un futuro low-carbon e che continuare a partecipare al processo di Parigi produrrà grande vantaggi per il popolo americano, così come per la comunità internazionale. Per una prudente politica degli Stati Uniti nel corso dei prossimi decenni sarebbero prioritari, tra le altre azioni, la decarbonizzazione del sistema energetico statunitense, lo stoccaggio del carbonio e la riduzione delle emissioni nel territorio Usa e la riduzione delle emissioni non-CO2.

Naturalmente, uno dei grandi vantaggi del nostro sistema di governo è che ogni presidente è in grado di tracciare la propria rotta politica. E il presidente eletto Donald Trump avrà la possibilità di farlo. La scienza più recente e l’economia di forniscono una guida utile per ciò che il futuro potrebbe portare, in molti casi indipendente delle scelte politiche a breve termine, quando si tratta di lotta contro il cambiamento climatico e della transizione verso un’economia di energia pulita.

di Barack Obama, presidente degli Stati Uniti d’America

Questo intervento è stato pubblicato da Science il 9 gennaio 2017 con il titolo “The irreversible momentum of clean energy” ed è stato poi ripreso e rilanciato da numerosi media statunitensi.

Videogallery

  • The Record: President Obama on Climate and Energy