Onu: «Causate dal clima circa il 90% delle catastrofi degli ultimi 20 anni»

606.000 morti, colpite 4,1 miliardi di persone. 250-300 miliardi di dollari di danni all’anno

[24 novembre 2015]

Disastri naturali ONU

Secondo il rapportoThe Human Cost of Weather Related Disasters” pubblicato dal Centre for Research on the epidemiology of disasters (Cred) e dall’Office for disaster risk reduction dell’Onu (Unisdr), «circa il 90% delle catastrofi registrate nel mondo da 20 anni sono state causate da fenomeni legati al clima, quali inondazioni, tempeste, canicole e siccità». Il rapporto Cred/Unisdr sottolinea che i cinque paesi più colpiti da questi tipi di catastrofi sono gli Stati Uniti (472), la Cina (441), l’India (288), le Filippine (274) e l’Indonesia (163). Ma non sono certo gli unici.

Da quando nel 1995 si è tenuta la prima Conferenza mondiale sui cambiamenti climatici, sono morte circa 606.000 persone, e 4,1 miliardi di esseri umani sono stati feriti o hanno perso le loro abitazioni, o hanno avuto bisogno di assistenza di emergenza a causa di catastrofi legate al clima.

L’Unisdr stima che  siano tra i 250 e 300 miliardi di dollari le perdite annue subite dalle economie di tutto il mondo a causa di catastrofi naturali, compresi terremoti e tsunami e secondo la sua direttrice, Margareta Wahlström, il rapporto dimostra che «queste perdite economiche costituiscono una grande sfida per lo sviluppo di numerosi Paesi che figurano tra I meno sviluppati e che lottano contro il cambiamento climatico e la povertà. A lungo termine, un eventuale accordo sulla riduzione delle emissioni di gas serra, raggiunto nel corso della Conferenza Cop 21, che si apre la settimana prossima a Parigi, apporterà un importante contributo alla riduzione dei danni e delle perdite dovuti alla catastrofi naturali, che sono in parte causate dal riscaldamento globale e dall’innalzamento del livello degli oceani».

The Human Cost of Weather Related Disasters” evidenzia che l’Asia è il continente più colpito dalle catastrofi naturali negli ultimi 20 anni, con 332.000 morti e 3,7 miliardi di persone colpite. Un bilancio che include i circa 138.000 morti causati dal cyclone Nargis che nel 2008 ha colpito il Myanmar.

Il fenomeno però è di portata globale: tra il 2005 e il 2014, ogni anno nel mondo si è registrata una media di 335 catastrofi legate al clima, con un aumento del 14% rispetto al periodo 1995 – 2004 e circa il doppio del periodo 1985 –  1995.

L’entità del costo dei disastri è rivelato dai dati forniti dall’Emergency events data base (Em-Dat) del Cred: negli ultimi 20 anni sono state distrutte da catastrofi climatiche 87 milioni di case; le inondazioni hanno rappresentato il 47% di tutti i disastri legati al clima tra il 1995 e il 2015 e hanno danneggiato 2,3 miliardi di persone, uccidendone 157.000; le tempeste sono i disastri meteorologici più letali: hanno causato  242.000 decessi, il  40% delle morti legate al clima, con l’89% di queste morti che si sono verificate nei  Paesi a basso reddito; le ondate di caldo hanno provocato 148.000 delle 164.000 vittime dovute alle temperature estreme, il 92% delle morti per caldo si è verificato  nei Paesi  ad alto reddito, il 90% in Europa; la siccità colpisce l’Africa più di ogni altro continente, Em-Dat ha registrato 136 eventi lì tra il 1995 e il 2015, comprese 77 siccità solo in Africa orientale. Il rapporto raccomanda un miglioramento della raccolta dei dati sulle morti indirette da siccità.

Debarati Guha-Sapir, a capo del Cred, ha concluso: «I cambiamenti climatici, la variabilità del clima e gli eventi meteorologici sono una minaccia per il raggiungimento dell’obiettivo di eliminare la povertà dei  Sustainable gevelopment goals (Sdgs). Dobbiamo ridurre le emissioni di gas serra e affrontare altri fattori di rischio come lo sviluppo urbano non pianificato, il degrado ambientale e i gap negli allarmi preventivi. Tutto questo richiede di assicurarci che le persone siano informate del pericolo e il rafforzamento delle istituzioni che gestiscono il rischio di catastrofi».