Trasporti marittimi: un primo passo dell’Ue verso la riduzione delle emissioni

[28 giugno 2013]

Oggi la Commissione europea ha fatto il primo passo verso la riduzione delle emissioni di gas serra dei trasporti marittimi proponendo un atto legislativo che «Impone ai proprietari delle navi di grandi dimensioni che attraccano nei porti dell’Ue di monitorare e comunicare le emissioni di anidride carbonica (CO2)». La Commissione ha pubblicato anche una comunicazione che definisce la sua strategia per affrontare e ridurre queste emissioni, «Preferibilmente attraverso misure a livello mondiale». Il sistema europeo infatti vuole essere la base per un sistema globale: «Le regole proposte sono destinate a sostenere un approccio graduale verso la definizione di norme di efficienza energetica globali per le navi esistenti, come proposto dagli Stati Uniti e auspicato da altri membri dell’International maritime organization (Imo). Le norme dell’Ue saranno adeguate alle norme mondiali se e quando sarà istituito un sistema globale».

Secondo la Commissione la Proposta di regolamento concernente il monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di CO2 generate dal trasporto marittimo «Permetterà di istituire nell’Ue un quadro giuridico per la raccolta e la pubblicazione dei dati annuali verificati concernenti le emissioni di CO2 di tutte le navi di grandi dimensioni (più di 5 000 tonnellate lorde) che usano i porti dell’Ue, a prescindere dal luogo in cui le navi sono registrate». Gli armatori «Dovranno monitorare e comunicare le quantità verificate di CO2 emesse dalle loro grandi navi sulle tratte verso, da e tra i porti dell’Ue. Dovranno inoltre fornire alcune altre informazioni, quali i dati per determinare l’efficienza energetica delle navi. A bordo delle navi dovrà essere custodito un documento di conformità, rilasciato da un verificatore indipendente; tale documento potrà essere richiesto e verificato dalle autorità degli Stati membri»

La proposta di regolamento prevede che queste norme siano applicate a partire dal primo gennaio 2018.

La proposta della Commissione punta a ridurre al minimo l’onere amministrativo che grava sulle società «Fondando le norme su documenti esistenti e sulle attrezzature presenti a bordo delle navi. Le società saranno libere di scegliere la metodologia di monitoraggio».

Il Commissario Ue alla mobilità e trasporti, Siim Kallas, ha sottolineato: «Siamo consapevoli che il trasporto marittimo deve contribuire agli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra, preferibilmente grazie a misure a livello mondiale efficaci dal punto di vista ambientale e economicamente vantaggiose. Per un settore di portata mondiale come quello dei trasporti marittimi, questo risultato può essere ottenuto più adeguatamente attraverso l’International maritime organization. Sulla base degli attuali orientamenti strategici, l’Ue proseguirà la sua azione, in collaborazione con i suoi partner mondiali, al fine di giungere a una soluzione globale internazionale. La proposta odierna è un contributo significativo agli sforzi dell’Imo per ridurre l’utilizzo e aumentare il risparmio di carburante delle navi, grazie ad una serie di strumenti comprendenti misure tecniche e misure basate sul mercato».

Le emissioni derivanti dal trasporto marittimo internazionale rappresentano il 3% delle emissioni di gas serra mondiali e il 4% delle emissioni di gas serra dell’Ue. In assenza di interventi, sono destinate ad aumentare significativamente in futuro, in linea con gli aumenti previsti del volume degli scambi commerciali tra tutti i continenti. Questa crescita vanificherebbe gli sforzi realizzati in altri settori per ridurre le emissioni complessive dei gas ad effetto serra dell’Ue.

Secondo la valutazione d’impatto della Commissione, il sistema Ue di monitoraggio, comunicazione e verifica (MRV) proposto, «Dovrebbe ridurre le emissioni di CO2 fino al 2% rispetto alla situazione attuale,. Il sistema dovrebbe anche ridurre i costi netti per gli armatori di un importo fino a 1,2 miliardi di euro l’anno nel 2030. Inoltre, il sistema fornirà informazioni sulle prestazioni delle singole navi, sui loro costi operativi e il potenziale valore di cessione, nell’interesse degli armatori che disporranno di informazioni adeguate per prendere decisioni d’investimento importanti e ottenere i finanziamenti corrispondenti».

La commissaria Ue all’azione climatica, Connie Hedegaard, ha detto: «Oggi stiamo tracciando la strada verso la riduzione delle emissioni di gas serra provenienti dai trasporti marittimi. Il sistema di monitoraggio dell’Ue porterà vantaggi a livello ambientale ed economico per il settore del trasporto marittimo aumentando la trasparenza in materia di emissioni e offrendo incentivi agli armatori affinché riducano queste emissioni. Questa iniziativa è pienamente in linea con le ultime proposte concernenti le norme mondiali in materia efficienza del carburante e con le misure fondate sul mercato attualmente oggetto di dibattito in seno all’ International maritime organization. Un sistema affidabile di monitoraggio, comunicazione e verifica delle emissioni è indispensabile per avviare dei dibattiti mirati in Europa e in tutto il mondo sugli obiettivi di riduzione per il settore».

La proposta, perché diventi legge, dovrà essere esaminata ed approvata dal Parlamento europeo.