Trump rottama le leggi ambientali Usa (e l’accordo di Parigi). Le reazioni degli ambientalisti

Greenpeace: «Trump non è un leader, è solo un fantoccio dell’industria dei combustibili fossili»

[29 marzo 2017]

Il presidente Usa Donald Trump ha firmato gli ordini esecutivi per rottamare le politiche approvate da Barack Obama contro il cambiamento climatico, compreso il Clean Power Plan, considerato il pilastro che sostiene l’adesione degli Stati Uniti all’Accordo di Parigi e l’iniziativa  più significativa mai presa dagli Usa per affrontare il cambiamento climatico. Gli ordini esecutivi di Trump danno istruzioni all’Environmental protection agency (Epa), diretta dall’ecoscettico e negazionista climatico Scott Priutt, di riscrivere il regolamento del 2015 che limita le emission di gas serra dale centrali elettriche esistenti e al Bureau of land management (Blm)  del ministero degli interni di eliminare la moratoria sulle concessioni minerarie per il carbone e quindi le protezioni dii alcuni dei territori naturali più famosi degli Usa, come il Bryce Canyon nello Utah e la Foresta Nazionale di White River in Colorado. Le rottamazioni dlle leggi ambientali firmate da Trump  indeboliscono anche il Clean Water Rule, minacciando corsi d’acqua che  garantiscono l’approvvigionamento di acqua potabile di un americano su tre, e uccidono sul nascere i clean car standards che  avrebbero ridotto drasticamente l’inquinamento da auto e camion.

Chi pensava che le minacce di Trump fossero solo esagerazioni elettorali ha dovuto ricredersi, ma tra questi non ci sono certo gli ambientalisti statunitensi, che da subito avevano capito quanto fosse reale il pericolo di un presidente ecoscettico alla Casa Bianca e di uno staff di governo negazionista climatico. Tra chi vede avverarsi le previsioni più fosche c’è  Lisa Hoyos, direttrice di Climate Parents, che fa notare: «Nel momento in cui innumerevoli comunità sono state devastate dagli impatti climatici e quando quasi tutti i Paesi del nostro pianeta si sono trovati d’accordo  sulla necessità urgente di affrontare il cambiamento climatico, l’ordine esecutivo di Donald Trump dichiara aperta la caccia alla salute e la sicurezza dei nostri figli. I genitori in tutto il paese dovranno raddoppiare il sostegno all’energia pulita,  perché i nostri figli meritano l’aria e acqua pulite e un futuro sicuro».

Anche il Wwf Usa, non proprio tra le associazioni in prima linea contro Trump, sottolinea che «Questa decisione ignora le azioni radicali intraprese da companies, Stati, città e comunità in tutta l’America, che stanno già facendo progressi per creare un futuro alimentato a energia pulita. Le emissioni di carbonio dalle centrali elettriche Usa sono responsabili di quasi il 40% di tutte le emissioni di anidride carbonica Usa e sono la ragione principale per cui gli Usa rimangono il più grande inquinatore di carbonio per contributo cumulativo in tutto il mondo. Il Clean Power Plan era anche una componente chiave del piano Usa per rispettare gli impegni di riduzione delle emissioni nel quadro dell’accordo di Parigi».

Anche se Trump non ha avuto – finora – il coraggio di uscire ufficialmente dagli accordi Unfccc, è come se lo avesse fatto materialmente, per questo il Wwf esorta Trump e la sua amministrazione a «sviluppare un piano chiaro ed efficace per soddisfare i nostri impegni internazionali, proteggere il popolo americano, e salvaguardare la nostra economia e le nostre comunità dalla crescente minaccia del cambiamento climatico».

Secondo il presidente del Wwf Usa, Carter Roberts, «Il rollback  degli impegni degli Stati Uniti per tagliare l’inquinamento da  carbonio danneggia non solo il futuro dei nostri figli e nipoti, ma mina anche la nostra capacità di competere nella massiccia crescita della domanda di energia rinnovabile in tutto il mondo». Il Wwf ricorda che così Trump rinuncia ad  approfittare delle opportunità per creare milioni di posti di lavoro necessari per un’economia dell’energia rinnovabile: «In realtà, più di 3,3 milioni di americani sono impiegati nella costruzione di veicoli low-carbon, nella riduzione degli sprechi di energia e nel fornire energia pulita alle comunità locali, più che in tutti i posti di lavoro degli Usa da combustibili fossili messi insieme. Anche le aziende leader americane sostengono l’azione sul clima anche. Un migliaio di aziende statunitensi stanno invitando l’amministrazione Trump a sostenere le politiche low carbon  e a mantenere la promessa dell’Accordo di Parigi. E così fa l’opinione pubblica americana: un recente sondaggio dalla Yale University  ha trovato che una maggioranza degli adulti in ogni distretto congressuale supporta la  limitazione delle emissioni di anidride carbonica dalle centrali a carbone esistenti. Gli Usa devono continuare a lavorare per trovare soluzioni durature, invece di abrogare le strategie climatiche Usa esistenti senza fornire un sostituto efficace. E dobbiamo lavorare insieme per dare la priorità al futuro del nostro pianeta: un futuro  che ci possa fornire l’aria pulita, l’acqua potabile e le foreste sane delle quali le persone, la fauna selvatica, e le imprese hanno bisogno per prosperare».

Michael Brune, direttore esecutivo di Sierra Club, la più grande associazione ambientalista Usa, aveva già messo in guardia più volte sulle intenzioni di Trump e del suo staff e ora rimarca che  « In realtà, l’ordinanza di rottamazione  di Trump è il singolo più grande attentato all’azione climatica nella storia degli Stati Uniti, punto. Le garanzie che Donald Trump sta cercando di eliminare proteggono tutte le famiglie in America, frenando  il pericoloso inquinamento da carbonio e riducendo altri inquinanti pericolosi come il mercurio, il metano e l’anidride solforosa. Ma purtroppo Trump ha preferito i profitti dell’industria dei combustibili fossili». Brune dice che i portafogli dei miliardari della Big Oil e dei King Coal si gonfieranno ancora di più di dollari  mettendo  le mani in tasca ai contribuenti americani e distruggendo le terre pubbliche Usa e aggiunge: «Peggio ancora, l’attacco di Trump ignora la realtà:  non solo la realtà della crisi climatica, ma la realtà che l’economia dell’energia pulita è in rapida crescita  sia negli Stati rossi (repubblicani, ndr) che blu (democratici, ndr), creando posti di lavoro e salvaguardando  la nostra aria e l’acqua. Il modo migliore per proteggere i lavoratori e l’ambiente è quello di investire nella crescita dell’economia dell’energia pulita che sta già superando i combustibili fossili, e garantendo che nessuno venga lasciato indietro. Nel momento in cui siamo in grado di dichiarare l’indipendenza dai combustibili sporchi abbracciando energia pulita, questo atto può  solo approfondire la nostra dipendenza dai combustibili che inquinano la nostra aria, l’acqua e il clima facendo ammalare di più i nostri ragazzi».

Secondo Sierra Club Trump sta andando contro la storia, la scienza e soprattutto l’economia: la produzione e il consumo di carbone negli Usa hanno raggiunto il livello più basso della storia, con la chiusura di quasi 250 centrali, e città che vanno da Salt Lake City, Utah, a Georgetown, Texas, puntano al 100% di energia pulita. «Grazie a  una forte azione locale per sostituire il carbone e il gas con l’energia pulita  – spiega Brune – siamo sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi delle emissioni 2030 del Clean Power Plan  già il prossimo anno  e la crescita dell’energia pulita a livello nazionale continuerà senza sosta. Tuttavia, il Clean Power Plan è uno strumento fondamentale che aiuta tutti gli Stati a  godere dei benefici dell’economia energia pulita ed è un piano per una transizione ordinata ed efficace  per uscire dai combustibili fossili. Purtroppo, l’aggressiva l’azione pro-inquinatori di Trump significa che chi vive sottovento alle rimanenti centrali elettriche a carbone e a gas  subirà l’aria più sporca, mentre rinuncerà a molti dei vantaggi economici di un’energia equa, giusta e pulita che il Clean Power Plan avrebbe aiutato a creare. E i bambini  di  tutto il mondo dovranno affrontare un futuro profondamente incerto, con un Presidente soddisfatto di lasciare che la spirale della crisi climatica  vada fuori controllo».

Brune conclude: «La buona notizia è che le garanzie  che Trump vuole distruggere – come il Clean Power Plan – hanno una forte base giuridica e che, mentre l’amministrazione Trump cerca di tornare  indietro, l’opinione pubblica avrà la possibilità di esprimere le sue obiezioni,. Trump non può ribaltare la nostra energia pulita e il progresso sul clima con un tratto di penna  e noi combatteremo Trump nei tribunali, nelle strade, sia a livello statale che locale, in tutta l’America per proteggere la salute di ogni comunità».

Secondo la direttrice esecutiva di Greenpeace Usa, Annie Leonard, «Questo ordine esecutivo ci dà un’ulteriore prova che Trump non è un leader, lui è solo un fantoccio dell’industria dei combustibili fossili con una penna presidenziale. Fortunatamente, con tutta la sua furia, il miglior Trump può ritardare la transizione inevitabile dell’America verso l’energia pulita, ma non può fermarla. Il problema, naturalmente, è la quantità di devastazione che nel frattempo la sua amministrazione infliggerà al clima, alle comunità vulnerabili e all’ambiente. Con questo ordine esecutivo, l’amministrazione Trump sta semplicemente portando l’America indietro nella corsa mondiale verso un futuro rinnovabile. Mentre il Clean Power Plan è la legge che marca l’eredità climatica  del presidente Obama, si è fortificata la rapida crescita delle energie rinnovabili e di un movimento di persone consapevoli, che capiscono l’urgenza del cambiamento climatico. Entrambi continueranno a crescere e ad agire, con o senza il sostegno di Trump, che non riesce a capire la scienza e l’economia di base. L’energia rinnovabile sta rapidamente prendendo una grande quota nel nostro mix energetico ed è in grado di fornire più posti di lavoro che un ritorno ai combustibili fossili. Revocare la moratoria non riporterà i posti di lavoro nel  carbone, non garantirà un giusto ritorno per i contribuenti, o renderà più veloce la nostra necessaria transizione verso un’economia dell’energia pulita. Renderà solo questi progressi molto più dolorosi per il coal country e ritarderà solo la transizione verso i lavori nell’energia pulita. Le vuote promesse non cambieranno il fatto che il mondo sta andando oltre le sporche centrali a carbone inquinanti. E’ arrivato il tempo di finirla con un’industria che non ha un futuro a lungo termine, che è l’opposto di ogni  vero sviluppo nelle nostre comunità e che ha  sfacciatamente inquinato l’ambiente per generazioni. Non importa quale sia la fantasia che l’amministrazione Trump sta vendendo, Greenpeace si batterà solo per una transizione che porterà nuovi e migliori posti di lavoro e che ci faccia progredire».

Anche la Leonard conclude annunciando azioni legali: «I tentativi di Trump di annullare le protezioni per il clima assicurate dalle normative Epa del 2015 saranno vigorosamente contestati in tribunale. Irecenti dati sulla gestione dell’amministrazione, ci fanno sperare che questo roll-back delle politiche ambientali non stia in piedi e che la giustizia garantirà che queste leggi continuino a proteggere l’ambiente e le comunità vulnerabili più colpite dai cambiamenti climatici».

Anche per Rhea Suh, presidente delll’Action Fund del  Natural resources defense council (Nrdc), il nuovo ordine esecutivo di Trump è «devastante, progettato per distruggere tutti i nostri progressi sul cambiamento climatico». E aggiunge che «E’ un altro regalo all’industria dei combustibili fossili», dopo il via libera agli oledotti Keystone XL  e Dakota Access  e il taglio del Bilancio dell’Epa di una catastrofico  31%.

La Suh allarga il tiro politico ricordando di che  «I leader repubblicani al Congresso stanno marciando in sincronia con la Trump. Il loro assalto legislativo in materia di  legisazione ambientale attualmente in corso è da anni uno dei maggiori obiettivi della lobby dei combustibili fossili  e le industrie si aspettano presidente della Camera Paul Ryan e il leader della maggioranza al senato Mitch McConnell lo raggoiungano».Anche la presidente dell’Nrdc è convinta che la maggoranza degli americani si batterà per lasciare un ambiente pulito e un clima stabile in eredità ai loro  figli e nipoti: «Facciamo in  modo che il leader della maggioranza McConnell e lo speacker Ryan sappiano che dovranno aspettarsi una tempesta di opposizione pubblica per l’attacco di Trump al Clean Power Plan e per i disastrosi tagli al bilancio dell’Epa e per l’agenda anti-ambiente».