Anonymous all’attacco di Monsanto, Bayer, Dow, Dupont e molte altre [VIDEO]

[23 maggio 2014]

Con una mail inviata poco fa alla nostra redazione Anonymous annuncia di proseguire la sua Operation Green Rights e dopo aver attaccato il sito della Livornese Asa Spa contro il rigassificatore Olt, poi l’Ilva di Taranto, ora annuncia: 1800 account, Monsanto, Bayer, Dow, Dupont and many others HACKED! «Anonymous – si legge nel tweet legato alla mail – vuole pubblicizzare la sua opposizione a tutte le pratiche commerciali distruttive per l’ambiente . Siamo pronti a vendicarci contro i giganti del settore responsabili per l’inquinamento e la contaminazione delle risorse naturali, con più di milleottocento e-mail e password “violate” a Monsanto , Syngenta , Bayer, solo per citarne alcuni. Tuttavia, a causa delle norme restrittive non siamo in grado di pubblicare questi dati all’interno di questo video (vedi in fondo). Ci sarà il rilascio di questi dati in diversi altri mezzi per l’esposizione massima».

«Per quelli di voi – aggiungono – che vedono tutto ciò che esiste solo come una merce da comprare o da vendere in nome del profitto diciamo:  Tu sei il prossimo . Tutto il denaro del mondo non potrà mai sostituire la bellezza di una natura incontaminata , mai . Il vostro denaro sporco non può mai sostituiscono il nostro diritto ad essere protetto contro lo sfruttamento di esseri viventi e la Terra stessa».

«Noi non dovremmo essere esposti a vivere su una terra sfigurata , sfruttata, avvelenata, a causa della domanda delle imprese e l’uso di sementi geneticamente modificate e sostanze chimiche come l’erbicida Roundup , con l’obiettivo di guadagnare sempre più una grande quota di mercato. I piccoli agricoltori vedono i loro diritti negati e le loro vite e le imprese distrutte in nome del profitto aziendale . Il nostro ambiente è stato distrutto e inquinato dagli interessi delle grandi industrie che sembrano essere inesorabili rispetto al nostro diritto fondamentale al cibo sicuro e un ecosistema sano , con solo i loro interessi finanziari in mente».

Come abbiamo già detto in occasioni di altri attacchi di Anonymous, greenreport.it non è d’accordo con tutte le azioni che compie. Abbiamo già detto che spesso c’è un grado troppo alto di approssimazione specialmente sulle questioni locali. In questo caso, al di là del come si porta avanti la battaglia, da sempre ci opponiamo agli Ogm e ai pesticidi, in particolare delle multinazionali oggetto dell’attacco odierno.  

 

Videogallery

  • Anonymous Monsanto Leaks