Arrivano le Librerie da spiaggia: si punta a realizzarne 100

Legambiente: «Un’iniziativa che restituisce e aggiunge valore al territorio e che promuove la cultura»

[18 luglio 2014]

Le Librerie da spiaggia, il progetto sperimentale ideato nel 2012 da Legambiente Castellabate per favorire la lettura anche in spiaggia, attraverso la collocazione negli stabilimenti balneari di librerie stilizzate, sembra aver avuto successo e si estende alle spiagge di altri Comuni del Sud dell’Italia, dove i turisti e i cittadini possono gratuitamente e anonimamente prendere un libro, leggerlo e poi rimetterlo  sugli scaffali della libreria prima di andar via.

Infatti quest’anno il progetto che ha preso le mosse dal litorale campano sbarca sulle coste sarde, pugliesi e calabresi, in località non interessate dal turismo massificato. In Sardegna il primo ad aderire è il Comune di Siniscola (Nu), in Puglia le Librerie da spiaggia sono piaciute a  Polignano a Mare (Ba), mentre in Calabria ad aderire all’iniziativa è il comune di Falerna (Cz).

Secondo la direttrice nazionale di Legambiente, Rossella Muroni, «Questa iniziativa restituisce e aggiunge valore al territorio a partire dal fattore culturale. È incoraggiante vedere come l’input dell’iniziativa sia partito proprio dal sud, che in questa occasione appare straordinariamente attivo e ricettivo, dimostrando di essere un esempio virtuoso capace di generare e produrre nuova bellezza coinvolgendo volontari e cittadini di tutte le età».

Da Castellabate il progetto “Librerie da spiaggia” si era subito diffuso negli altri comuni costieri del Cilento di   Montecorice, e Pollica-Acciaroli e poi ha conquistato in brevissimo tempo tantissimi comuni balneari italiani. Inizialmente le librerie erano una ventina, ma nel 2013 avevano raggiunto quota 50 e quest’anno Legambiente spera di arrivare a 100 librerie da spiaggia.

Per Pasquale Colella  ideatore e coordinatore delle Librerie da Spiaggia, «La vera forza di questo progetto risiede proprio nella natura anonima e gratuita del servizio. Lo scopo è far girare cultura diffondendo letture in maniera pratica e immediata, a prescindere da padroni e fruitori del libro. Per questo il tutto rimane completamente autogestito: il libro si prende e si ripone prima di andar via. Il successo delle scorse stagioni conferma il carattere vincente della formula, che prevede l’incremento della lettura utilizzando prima di tutto i libri “dormienti” sugli scaffali di casa».

Ad arricchire e impreziosire le Librerie in spiaggia ci saranno anche  la presentazione di testi, dibattiti e incontri con gli autori. E per l’dizione 2014 arriva l’app gratuita Cityteller che permette di scovare le Librerie nelle vicinanze direttamente da cellulare o tablet.