Cambio con Stile a Messina e Legambiente risponde alle polemiche

[17 giugno 2014]

Cambio con Stile è la campagna per i cambiamenti degli stili di vita in Sicilia. Nuovi stili di vita verso una maggiore sostenibilità ambientale e una maggiore qualità della vita possono essere una delle risposte alla crisi economica. Con questo progetto, presentato nella Sala Ovale di Palazzo Zanca da Legambiente con la partecipazione di Tommaso Castronovo, responsabile di ECOsportello Sicilia e Daniele Ialacqua, assessore all’Ambiente e ai Nuovi Stili di Vita, viene proposto ai cittadini, alle scuole, alle aziende, alle famiglie  alle amministrazioni comunali di diventare attori del cambiamento impegnandosi a realizzare delle azioni sostenibili che faranno risparmiare denaro e ridurranno l’impatto ambientale. Cambiare è facile e conveniente.

Per Messina è stato proposto un patto di sostenibilità e promosso lo sviluppo della mobilità urbana con mezzi elettrici pubblici e privati. Le informazioni utili si trovano all’indirizzo: www.viviconstile.org/comunita/cambio-con-stile-messina .

Per chi volesse calcolare la propria “impronte ecologica” all’indirizzo: http://www.viviconstile.org/calcolatori un simpatico ed istruttivo metodo per valutare il “proprio” personale impatto sull’ambiente.

Intanto: cosa vuol dire “impronta di carbonio” e perché? Molte trasformazioni energetiche comportano oggi un consumo di combustibili fossili (petrolio, metano…) che, bruciando, emettono in atmosfera una certa quantità di CO2 (anidride carbonica) e altri gas di origine fossile. Questi gas sono la causa principale dei cambiamenti climatici causa di catastrofi, incertezza per le produzioni agricole, danni sanitari e migrazioni di popolazioni in diverse parti del mondo. Secondo l’Unione Europea e le Nazioni Unite i paesi industrializzati della terra dovrebbero ridurre le proprie emissioni inquinanti del 20-30% entro il 2020 e del 80-95% entro il 2050.

Quindi anche ogni azione individuale e collettiva che compiamo, comporta un certo inquinamento dell’atmosfera planetaria. Come acquistare un prodotto che abbia comportato un consumo di energia non rinnovabile nella sua produzione (in Cina o in Italia), fare il pieno della propria automobile, accendere la luce, mandare una mail, usare i mezzi pubblici o i servizi sanitari. Ma quanto? E cosa può davvero fare ciascuno di noi nel proprio piccolo?

Infine di grande interesse le dichiarazioni del Presidente del Direttivo Regionale di Legambiente Sicilia Enzo Colavecchio (Nella foto) sulle polemiche nazionali di questi giorni sul ruolo ed i presunti interessi “economici” di Legambiente, dipinta, a dire dei polemisti, come una Holding dell’ambientalismo.

Videogallery

  • Cambio con Stile a Messina