Charlie Hebdo, il cordoglio per le vittime. «Atti barbari non spegneranno libertà di stampa»

[7 gennaio 2015]

I giornalisti del settimanale satirico Charlie Hebdo, a Parigi, sono stati vittima di quello che il presidente francese François Hollande ha definito “senza dubbio di un attacco terroristico”. Attorno alle 11:30 alcuni uomini coperti da cappucci neri hanno fatto irruzione nella sede di Charlie Hebdo urlando Allahu Akbar (Allah è grande, ndr) e hanno aperto il fuoco con dei kalashnikov.

Al momento sono 12 le vittime confermate dalla polizia francese, circa 20 i feriti (nel video in fondo pagina la diretta dell’emittente France24). La redazione di greenreport si unisce al cordoglio per chiunque abbia subito l’attacco e in particolar modo verso i colleghi giornalisti, i primi a bagnare di sangue questo neonato 2015.

Il presidente Hollande ha dichiarato che «nessun atto barbaro non potrà mai spegnere la libertà di stampa. Siamo un Paese unito che saprà reagire e fare blocco». Questa è una battaglia che tocca non scuote solo la Francia, ma chiunque creda nel valore di un’informazione forte e libera per il progresso della società civile. Le parole di Hollande sono anche le nostre.

La Redazione 

Videogallery

  • EN DIRECT : l'info internationale en continu par FRANCE 24