Rimozione Costa Crociere, in campo anche i senatori del M5S

[26 giugno 2014]

Sulla rimozione della Costa Crociere si mobilita anche il M5S come spiegano i senatori Gianni Girottoe  Gianluca Castaldi: «Un’operazione cosi complessa come la rimozione della Costa Concordia dall’Isola del Giglio deve essere affrontata con estrema cautela e accortezza per evitare qualsiasi tipologia di rischio che  possa procurare pericoli in una delle aree più interessanti del nostro Paese. Tali preoccupazioni, motivate dalla lettura della documentazione sull’emergenza attivata per il naufragio della nave (che vogliamo ricordare costò la vita a 32 persone), ci hanno spinto a presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Grosseto e un’interrogazione con il carattere d’urgenza al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi.

Dai rischi d’inquinamento che il relitto della nave potrebbe causare, alla possibilità che affondi durante le operazioni di trasporto dal Giglio qualunque sia il porto che verrà scelto dal prossimo Consiglio dei Ministri, non può non rilevarsi la delicatezza dell’operazione in termini di sicurezza e di protezione dell’ambiente: saranno coinvolte le aree protette e naturali sottoposte a tutela e fortemente conosciute come un attrattore turistico internazionale; dalle principali isole dell’arcipelago toscano fino alla presenza del Santuario dei cetacei, un’area protetta e divisa tra Italia, Principato di Monaco e Francia, con una superficie vasta più di 90 mila chilometri quadrati. Un quadrilatero abitato da molte specie di mammiferi marini, nel quale «operazioni di trasporto non monitorate e non ponderate nel rispetto del principio di precauzione mettono in concreto pericolo queste aree di importante pregio ambientale».

Pertanto, oltre ai danni già prodotti dal naufragio, se per la rimozione non verranno prese le dovute precauzioni temiamo ulteriori danni potenziali «legati allo spostamento», dal momento che non si comprende come un relitto della portata della Concordia non in condizioni di poter galleggiare e navigare, possa essere trasportato senza creare alcun danno.Ed ancora nessuno rende “pubbliche” le modalità apprestate per  evitare questi indiscussi rischi.

Molte perplessità – aggiungono i due sentori – sono state già precedentemente sollevate  anche da Greenpeace, con alcune domande presentate e un documento “TOXIC COSTA“, nel quale si sottolineano i pericoli connessi con il relitto della Costa Concordia, evidenziando “i rischi causati dall’ipoclorito di sodio, meglio noto come candeggina”. Nel medesimo documento si affermava altresì che di tale sostanza: “la Costa Concordia ne trasportava, secondo l’armatore, una tonnellata. È una quantità enorme.”

Il M5S in questi giorni terrà gli occhi vigili sul caso affinché le decisioni assunte nei prossimi giorni sia dal Governo che dalla conferenza di servizio non compromettano irreparabilmente l’ambiente,il futuro e la bellezza di un Paese che non ha sicuramente bisogno di ulteriori danni,ma di riprendersi.