Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Furti di ottone e targhe professionali, l’ultima frontiera della crisi

[28 marzo 2014]

Non  bastava la corsa al nuovo oro rosso, il  rame, e ai tombini di ghisa, ma la carenza di materie prime ed i loro prezzi alle stelle stanno facendo nascere nuove tendenze criminali: adesso ci sono anche i ladri di maniglie, targhe professionali, pomelli e citofoni d’ottone.

Arrivano allo “Sportello dei Diritti”,, infatti, da ogni dove del Nostro Paese le segnalazioni di questo tipo di furti: dai portoni, stanno andando letteralmente a ruba pomelli e battenti di ottone.

Tra le vittime ci sono i condomini e qualche palazzo storico. È la notte il momento prescelto perché al calar delle tenebre i ladri s’impossessano dei pomelli dei palazzi e i batacchi dei portoni antichi. Furti di piccolo spessore, certo, nondimeno fastidiosi come qualsiasi forma di sottrazione.

Una delle cause principali, come da tempo va a denunciare Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è la crisi economica per la quale molti cittadini si ritrovano ad essere costretti ad arrangiarsi rubando questo tipo di materie prime che, una volta rivendute, consente un facile guadagno, un tempo prerogativa soprattutto degli stranieri dell’est europeo, oggi diffusi anche fra gli italiani.

Vecchi o nuovi, non importa: tanto la loro destinazione è di solito un forno, per la fusione. Anche perché le quotazioni dell’ottone sono in crescita nel mercato della rottamazione e seguono solo quelle del rame, che fa più gola negli ambienti della criminalità.

Solo così può spiegarsi l’ondata di furti che ha lasciato increduli i condomini presi di mira. Sono diversi, infatti, le città ed i quartieri dove viene segnalato il fenomeno, certamente in escalation e perciò da non sottovalutare da parte delle forze dell’ordine anche perché a pagare sono sempre ignari cittadini e i  palazzi storici che rendono unici i nostri centri urbani.

Giovanni D’Agata, Sportello dei diritti