Educazione alimentare: i formatori dell’Orto in Condotta di Slow food a Marcianise

[11 luglio 2013]

L’Orto in Campania, uno dei fiori all’occhiello del centro commerciale Campania di Marcianise (Caserta), è stato scelto come sede per il workshop dedicato ai formatori del programma ”Orto in Condotta”, organizzato dall’ufficio educazione di Slow Food Italia dal 5 al 7 luglio 2013.

50 educatori provenienti da tutta Italia e dagli Stati Uniti, si sono riuniti per condividere esperienze e gettare nuove basi per i programmi futuri sulla didattica degli orti e sull’educazione alimentare. Il centro di Marcianise è stato scelto come sede ideale perché il suo orto, che nell’ultimo anno scolastico ha potuto vantare oltre 5mila presenze nei laboratori e nelle attività formative, è all’avanguardia nelle tecniche didattiche e nell’organizzazione degli spazi dedicati alla pedagogia. Durante la tre giorni i riflettori sono stati puntati sull’educazione alla prevenzione degli sprechi, i programmi educativi presso l’orto didattico dell’Università di Yale, la didattica in cucina del Rome Sustainable Food Project. Sono  intervenuti i giovani architetti e designer dell’Università Federico II e della Seconda Università di Napoli che hanno progettato gli spazi dell’Orto in Campania e i suoi apparati didattici. A fare gli onori di casa il gruppo degli educatori dell’orto coordinati dai responsabili dell’educazione di Slow food Campania, una squadra di 14 giovani al terzo anno di esperienza all’interno del progetto di Marcianise.

Interessanti per contenuto e prospettive gli interventi di Cinzia Scaffidi: responsabile Centro Studi Slow Food Italia, di Jeremy Oldfield: responsabile della didattica in orto dello Yale Sustainable Food Project: presso l’università di Yale, di Jacquie Lewin: responsabile rapporti istituzionali, fundraising e programmi Yale Sustainable Food Project presso l’università di Yale e di Chris Boswell: head chef responsabile della formazione in cucina presso il Rome Sustainable Food Project dell’American Academy in Rome.

Sia lo Yale Sustainable Food Project sia il Rome Sustainable Food Project presso l’American Academy in Rome sono progetti nati dalla mente visionaria di Alice Waters per portare l’educazione alimentare nelle istituzioni educative attraverso la conoscenza del cibo in tutta la sua filiera produttiva. Lo stesso progetto Orto in Condotta è nato da un’idea della vice-presidente internazionale di Slow Food e vanta al momento 469 Orti attivi in Italia, tra cui quello del centro commerciale Campania.

Interessante ascoltare le interviste al direttore del centro commerciale Campania, Gian Luca Galvani, e del responsabile Slow food Campania, Giuseppe Orefice, che inquadrano l’iniziativa nelle strategie di sostenibilità e rispetto dell’ambiente sia del centro commerciale Campania che di Slow Food, quasi una contraddizione in termini parlare dei temi di Slow Food in un centro commerciale… simbolo dei non luoghi e stereotipi di un consumismo imperante?

Francesco Cancellieri, Centro Educazione Ambientale Messina onlus per greenreport.it

Videogallery

  • Intervista a Gian Luca Galvani

  • Intervista a Giuseppe Orefice