Educazione ambientale all’università: per formare i ragazzi a Firenze si parte dai futuri docenti

[5 luglio 2013]

Formare i futuri formatori, in materia di educazione ambientale: questo l’obiettivo dell’accordo siglato tra Provincia e università di Firenze, grazie al quale saranno realizzati laboratori di educazione ambientale e alla sostenibilità per gli studenti del corsi di laurea in Formazione primaria e di Scienze dell’’infanzia.

Il protocollo è stato siglato dall’assessore all’Ambiente ed alla difesa del suolo della provincia di Firenze Renzo Crescioli, da Paolo Federighi, presidente del corso laurea in Scienze della formazione primaria, da Daniela Sarsini, presidente del Corso laurea in scienze dell’infanzia e da Enzo Catarsi, direttore del dipartimento in scienze della formazione e psicologia.

«Con questo protocollo qualifichiamo ulteriormente il nostro impegno per l’’educazione ambientale, in particolar modo su un versante che coltiviamo già da tempo, quale quello della formazione ai futuri formatori- ha sottolineato Crescioli -Non ci rivolgiamo solo ai bambini, ma a coloro che domani saranno i loro educatori, così da arricchire il loro bagaglio di competenze preziose nel campo della didattica ambientale». I

n base all’accordo, 70 studenti potranno partecipare ad una serie di laboratori ideati per far acquisire ai futuri maestri di scuola primaria competenze di progettazione e conduzione didattica di attività afferenti al capitolo “ambiente”. Gli studenti impareranno ad ideare attività laboratoriali e metodologie da svolgere nelle scuole, si faranno veicolo dell’educazione ambientale negli istituti di istruzione e approfondiranno anche la conoscenza del Sistema provinciale e regionale di educazione ambientale, nell’ottica di diventare gli educatori di domani.

Sulla base di questi primi laboratori, potranno essere pianificati anche percorsi da destinare a studenti di altri Corsi di laurea o di specializzazione, nonché ad individuare tesi di laurea ed ideare programmi di tirocinio presso il Laboratorio didattico ambientale di Villa Demidoff. Gli studenti coinvolti in questo progetto, matureranno anche tre crediti formativi universitari. Provincia ed Università hanno infine stabilito un comune impegno per la ricerca condivisa di fondi europei, finalizzata a rafforzare l’iniziativa in ambito educativo-ambientale.