Etichetta furbetta: 1 prodotto su 4 venduto senza quella energetica (o con una sbagliata)

4.602 prodotti esaminati. MarketWatch: «Peggiore trasparenza per condizionatori e forni»

[30 luglio 2015]

Etichetta furbetta

Legambiente e Movimento Difesa del Cittadino (MdC) hanno pubblicato il secondo round di Etichetta furbetta, l’indagine realizzata da  per verificare la corretta applicazione delle etichette energetiche in Italia su frigoriferi, cantinette per vini, forni, condizionatori, televisori e quest’anno anche aspirapolvere, che da settembre 2014 hanno una loro etichetta.

La ricerca fa parte del  progetto pilota Marketwatch, finanziato dal programma IEE della Commissione europea e che unisce 16  realtà della società civile che affiancano le istituzioni nel settore del controllo di mercato europeo nel campo delle etichette energetiche. L’obiettivo è quello di monitorare la corretta applicazione della direttiva sull’etichetta energetica nei negozi online e fisici, ma anche le dichiarazioni dei produttori e la veridicità delle etichette dei prodotti. Legambiente e MdC hanno realizzato 14 visite a punti vendita tradizionali e 11 verifiche a punti vendita online ed è emerso che «Su 4602 prodotti controllati tra negozi fisici (3.150) e negozi online (1.452), il 74% è risultato etichettato correttamente: l’82% nei negozi fisici e solo il 23% nei negozi online. Un prodotto su 4 risulta, quindi, venduto senza etichetta o con l’etichetta scorretta: un dato alto ma migliore rispetto allo scorso anno in cui le etichette scorrette o assenti riguardavano un prodotto su 3».

Per ogni categoria di prodotto sono stati scelti i 10 prodotti più efficienti e i 10 prodotti più economici presenti nel negozio. Oltre ai prodotti controllati nei negozi fisici si sono verificati anche lavastoviglie, asciugatrici e lavasciuga. Tra le categorie di prodotto meno virtuose ritroviamo i condizionatori (solo il 19% è correttamente etichettato), i forni (23%)  e i televisori (23%).

Etichetta furbetta ha dato la preferenza ai negozi online dei grandi superstore dell’elettronica, senza trascurare però gli spazi di vendita esclusivamente online , sia italiani che internazionali. Anche il sito internet di una delle principali catene di supermercati è stato incluso nel campione, così come i siti di alcune aziende specializzate nella vendita di mobili e complementi d’arredo.

Davide Sabbadin, responsabile efficienza energetica di Legambiente, sottolinea che «Le direttive Ecodesign ed Etichetta Energetica sono di notevole importanza per il clima e l’ambiente. Se venissero correttamente applicate, il taglio annuale alle emissioni di CO2 sarebbe di circa 500 milioni di tonnellate, cioè l’1,5% delle emissioni mondiali, pari a quelle del parco auto circolante in Europa. Inoltre, la loro applicazione potrebbe far risparmiare quasi 400 euro a famiglia. Purtroppo, però queste direttive non sempre vengono applicate e i consumatori spesso non sono in condizione di scegliere correttamente i prodotti in vendita: alcuni prodotti sono meno efficienti di quanto dichiarato sull’etichetta, altri sono privi delle indicazioni energetiche che dovrebbero essere fornite al consumatore. I mancati risparmi derivanti da queste infrazioni aumentano inevitabilmente i costi familiari, mettono sotto stress le reti elettriche dei paesi membri e contribuiscono negativamente al cambiamento climatico».

Campania, Lazio, Emilia Romagna e Veneto sono le regioni dove sono stati controllati 7 negozi specializzati in elettrodomestici ed elettronica, 5 grandi superfici di vendita di mobili e complementi d’arredo, 2 supermercati. I negozi di arredo si confermano quelli con il più altro grado di non conformità (53%), mentre uno dei due supermercati visitati presenta la più alta percentuale di mancata etichettatura (77%).

Come nel 2014, le categorie di elettrodomestici con la minore percentuale di conformità sono i condizionatori d’aria e i forni, rispettivamente con un 49% e 61% di non conformità, mentre gli elettrodomestici dove più facilmente è stata riscontrata la mancanza di etichetta sono gli aspirapolvere (32%), i condizionatori (28%) e le cantinette per il vino (16%). Inoltre, nessun negozio è stato possibile prendere visione della scheda tecnica informativa che la normativa impone di mettere a disposizione, su richiesta, e che fornisce informazioni suppletive rispetto all’etichetta.

Secondo Antonio Longo, presidente MdC,  dall’indagine «Emerge un grave problema riguardante le vendite on line che sono destinate ad aumentare in maniera esponenziale nei prossimi anni. Gli organi di vigilanza, primi fra tutti il MISE, l’Autorità Antitrust e la Polizia postale devono vigilare e intervenire tempestivamente. Da parte nostra continueremo a monitorare anche attraverso questo progetto le proposte di commercio elettronico».

Infatti, i negozi online registrano una non conformità del 77%. Un valore molto alto, visto che dal primo  gennaio 2015 è entrata in vigore una normativa che impone la presenza dell’etichetta energetica in evidenza accanto alla foto del prodotto. Invece, «Solo il 23% dei prodotti controllati nei negozi online è da considerarsi correttamente etichettato – dicono le due associazioni – Ma in questo numero rientrano sia prodotti immessi nel mercato prima del 31/12/2014 e corredati delle corrette informazioni testuali, sia un certo numero di prodotti immessi nel 2015 e corredati dell’etichetta energetica in formato digitale come prevede la nuova normativa. Quest’ultima però, è largamente disattesa. Nei negozi visitati la percentuale di prodotti con l’etichetta vera e propria è del 9%, mentre per tutti gli altri si hanno solo le informazioni testuali».

Sabbadin sottolinea che «Unica eccezione il sito che l’anno scorso, per la prima edizione della ricerca, aveva ottenuto la peggiore performance e che quest’anno, anche grazie alla collaborazione con MarketWatch, ha modificato le proprie politiche rispetto all’etichetta ed è risultato conforme alla normativa al 98%>.

 

Il progetto Etichetta furbetta ha monitorato anche i prodotti che sono ormai troppo energivori per stare sul mercato e che sono stati quindi messi al bando tramite la direttiva Ecodesign: frigoriferi, lavatrici e lavastoviglie al di sotto della classe A+ e aspirapolvere con potenza superiore ai 1800W e ha scoperto che, «se nei negozi convenzionali sono stati per lo più tolti dagli scaffali, nei negozi online sono spesso ancora in vendita. I dati sono chiari: ben 27 lavatrici al di sotto della classe A+ erano in vendita (su un totale di 1082), 38 lavastoviglie su 380. Erano in oltre in vendita nonostante fossero di potenza superiore ai 1800W 59 aspirapolvere su 460 controllati».

Nelle prossime settimane i dati dettagliati per singolo punto vendita verranno resi disponibili nel sito www.market-watch.it. Nei prossime mesi, inoltre, cominceranno i test dei prodotti, per andare a scoprire se ci sono prodotti le cui prestazioni non corrispondono a quelle dichiarate in etichetta.