Su neodemos prosegue l'interessante analisi del fenomeno

I 68mila decessi “anomali” nell’Italia del 2015 dovuti a clima estremo e crollo dei vaccini?

L’estate è stata una delle più calde mai registrate, mentre d’inverno ha influito la psicosi contro le vaccinazioni

[3 febbraio 2016]

decessi anomali 1

Il dato sull’anomalo eccesso di decessi dell’anno 2015 è stato segnalato e discusso su Neodemos, anche in relazione agli analoghi andamenti registrati in altri paesi europei. La variazione del numero di decessi mensili dal luglio 2010 a oggi infatti mostra infatti tre maggiori discrepanze rispetto al loro normale andamento: una eccedenza nell’inverno del 2011/2012, una seconda eccedenza nell’inverno 2014/2015, e un picco pronunciato nel luglio del 2015. 

Un effetto dovuto alla temperatura?

Le condizioni climatiche estreme sono legate a un sensibile rialzo dei decessi rispetto alla norma, sia negli inverni molto rigidi, sia nelle estati bollenti. Alcuni degli eccessi che abbiamo individuato rientrano in queste categorie. L’inverno 2011/2012 è stato caratterizzato da una pesante ondata di freddo, registrando alcune tra le minime più basse di sempre, il che può giustificare l’elevato numero di decessi individuabile nella Figura 1. Un argomento speculare vale per il luglio 2015, che è stato uno dei mesi più caldi dell’ultimo secolo, caratterizzato da un numero di decessi particolarmente elevato.

D’altra parte l’ONS, istituto di statistica inglese, ha pubblicato una nota che mostra come l’eccesso di morti nell’inverno 2014/2015, analogo all’eccesso registrato in Italia, non sia riconducibile alla temperatura, dato che l’inverno 2014/2015 è stato relativamente mite. Analoga conclusione può farsi anche per il caso italiano, visto che la temperatura media del Gennaio 2015, pari a 6,6°, è stata identica alla media dei mesi di Gennaio dei quattro anni precedenti). E allora quale può essere la causa?

Effetto del virus stagionale?

Nella stagione influenzale del 2014/2015 si ritiene che ci sia stato l’utilizzo di un vaccino anti-influenzale a bassa efficacia (< 25%, fonte: ECDC) dovuto a una mutazione del virus stagionale che ha reso i vaccini preparati meno efficienti; si aggiunga che – per vari motivi legati anche ad un psicosi collettiva diffusa dai mass media – vi è stato anche un crollo della copertura vaccinale proprio in Italia (scesa al di sotto del 50% per la popolazione oltre i 65 anni, fonte: Istituto Superiore di Sanità). Questi due fattori rendono l’ipotesi di un “effetto virale” molto plausibile.

Infatti, utilizzando i dati virologici distribuiti dal sistema di monitoraggio dell’influenza europea EISN, è possibile ricostruire lo sviluppo della diffusione dei virus influenzali con cadenza mensile e per ceppo virale. Tenendo dovuto conto del fatto che differenti ceppi virali hanno tassi di mortalità diversi, è possibile costruire un indice di pericolosità della stagione influenzale che include tutti i sottotipi di ceppi influenzali circolanti, la loro diffusione, e la loro mortalità.

Come si può osservare dalla figura, questo indice risulta essere molto ben correlato con il numero di decessi che si hanno in inverni “miti”, e sembrerebbe spiegare l’eccesso dello scorso anno. Il fatto che l’eccedenza dei decessi si concentri nelle età anziane, nelle quali le donne sono prevalenti, suggerisce quale orientamento tenere nel disegnare efficaci campagne vaccinali.

Di Alberto Oliva, per www.neodemos.info

Note

Stefano Molina- L’allarme sull’eccesso di mortalità del 2015. Intervista all’epidemiologo Giuseppe Costa – Neodemos, 22 Gennaio 2016.

Marcantonio Caltabiano –  L’eccesso di mortalità del 205: alcuni dati su cui riflettere – Neodemos, 29 Dicembre 2015.

Gian Carlo Blangiardo –  68 mila morti in più nel 2015? – Neodemos, 22 Dicembre 2015.