Imprenditori sostenibili crescono dietro i banchi di scuola: al via il concorso Ecopreneur

[7 marzo 2014]

Nell’anno europeo dell’economia verde, la scuola italiana invita i propri alunni a diventare “imprenditori per l’ambiente”. Il concorso per idee “Ecopreneur” promosso da Junior Achievement Italia e ABB Italia in collaborazione con Fondazione Italiana Accenture sulla piattaforma per l’innovazione sociale ideaTRE60, intende valorizzare la capacità dei giovani studenti delle scuole superiori italiane di elaborare idee imprenditoriali sostenibili.

L’iniziativa, rivolta agli oltre 7.000 studenti che stanno partecipando al programma di educazione imprenditoriale “Impresa in azione” di Junior Achievement Italia, offre un percorso di orientamento scolastico e professionale verso uno dei settori più in crescita della nostra economia, fornendo ai ragazzi tra i 16 e i 19 anni competenze e soft skills che li accompagneranno nella futura carriera professionale. In particolare, gli studenti sono invitati ad elaborare un’idea di business in linea con i valori dell’economia ecosostenibile, con tanto di struttura organizzativa e indicazioni sulla raccolta del capitale sociale, fino alla presentazione al mercato del prodotto o del servizio.

«E’ noto che le imprese attente alla sostenibilità ambientale sono più competitive, grazie alla loro maggiore esposizione ai mercati internazionali, e anche più propense ad assumere i giovani – dichiara Miriam Cresta, Direttore Generale di Junior Achievement Italia – Grazie alla partnership con ABB, da quest’anno scolastico, ‘Impresa in azione’, considerato una best-practice a livello internazionale e ormai diffuso in tutta Italia, si arricchisce di un nuova stream che consentirà di premiare le migliori startup di studenti che hanno scelto l’ambiente come loro innovativa idea di business».

«I giovani sono il nostro futuro: la partnership con Junior Achievement ci permette di allenare le nuove generazioni all’imprenditorialità e all’attenzione alle nuove tendenze del mercato – sostiene Matteo Marini, Amministratore Delegato di ABB Italia – Dai giovani spesso provengono idee nuove, che necessitano di un supporto e di un indirizzo per diventare concrete. La partecipazione di ABB al programma Impresa in Azione ha l’obiettivo di sostenere la creatività dei giovani, testimoniando attraverso la nostra esperienza diretta come l’innovazione orientata alla sostenibilità   porti le aziende ad essere competitive e vincenti sul mercato».

«Giovani e sostenibilità sono due delle parole chiave su cui costruire il futuro del nostro Paese, perché proprio da qui passa lo sviluppo di un pensiero critico in armonia con il senso della collettività e della responsabilità”, afferma il Segretario Generale della Fondazione Italiana Accenture, Anna Puccio. “Per questo abbiamo sposato il progetto Ecopreneur: un esempio virtuoso di progettualità innovativa in tema di sostenibilità e crescita sociale al fine di attuare una Corporate Social Responsibility nuova e concreta. E ideaTRE60 si pone come strumento ideale per la sua realizzazione. Il concorso Ecopreneur – conclude Anna Puccio –  è in linea con il programma Skills to Succeed del nostro fondatore Accenture, un’iniziativa promossa dall’azienda a livello globale con l’obiettivo di dotare, entro il 2015, 500.000 persone in tutto il mondo delle competenze lavorative e imprenditoriali necessarie per trovare lavoro o aprire un’attività, contribuendo così anche allo sviluppo delle comunità in cui operano».

Il concorso per idee, aperto fino al prossimo 9 maggio 2014, è attivo al link http://ecopreneur.ja.ideatre60.it. Non sarà valutata solo l’efficacia dell’idea e il suo impatto positivo sull’ambiente, ma anche la fattibilità tecnica ed economica e la sua capacità di stare sul mercato. I progetti vincitori potranno essere incontrati direttamente alla prossima competizione nazionale delle imprese di studenti, “BIZ Factory” (www.jabizfactory.org), e il migliore tra tutti rappresenterà il nostro Paese alla finale europea.