Continua il nostro percorso all'interno dell'economia della felicità, con la guida di Luciano Canova

La nascita dell’economia classica: da Aristotele ad Adam Smith [VIDEOLEZIONE]

[3 settembre 2013]

In che modo l’uomo può realizzare se stesso, può dare senso alla propria esistenza? Cosa c’entra l’antica Grecia con l’economista scozzese Adam Smith? Da dove deriva la nostra idea di felicità? Come questa idea influenza il modo in cui organizziamo la società?
La nostra concezione di felicità è il frutto delle filosofie di Platone ed Aristotele, modificate dalla tradizione cristiana e riscoperte dai pensatori umanisti e rinascimentali.
Partendo da questo lascito Machiavelli identifica l’individualismo metodologico come criterio-guida nella condotta politica; da qui Hobbes prende le mosse per definire una filosofia politica improntata ad un deciso pessimismo. La sfiducia nella qualità morali dell’essere umano crea infine i presupposti per la nascita del contrattualismo, dell’utilitarismo e del pensiero economico moderno.
L’apparato di Platone risulta, dunque, vincente all’interno della filosofia e dell’economia politica moderne, con un’idea di felicità basata sull’astrazione e sul distacco dalla contingenza della materialità. Sottotraccia, tuttavia, il pensiero di Aristotele, fondato sull’intrinseca socialità dell’uomo e sull’importanza delle relazioni, arriva fino a noi e necessita una riscoperta.

Scopri la nuova videolezione offerta da greenreport.it in collaborazione con Oilproject visitando la rubrica SapereVerde: http://www.greenreport.it/rubriche/la-nascita-delleconomia-classica-da-aristotele-ad-adam-smith/