Riceviamo e pubblichiamo

L’ambiente riguarda solo il governo?

Alcune delle legge ambientali tra le più importanti del nostro Paese furono ottenute in particolare grazie alla sinistra, impegnata all’opposizione

[26 marzo 2018]

Che la campagna elettorale abbia sostanzialmente ignorato i problemi sempre più acuti dell’ambiente è cosa nota. E lo è anche che ciò abbia concorso e non poco alla batosta elettorale del Pd, per ammissione anche di autorevoli esponenti del partito. Gli stessi che lo avevano rilevato criticamente anche prima del voto.

Il nuovo Parlamento, comunque vada a finire con il governo, non potrà ignorare che la passata legislatura si è conclusa con un bilancio deludente e neppure che quella nuova, pur non avendo ancora insediato né alla Camera né al Senato le commissioni, ha già varato una nuova normativa sulle foreste all’insegna della vecchia musica.

Ecco perché non si può far finta di niente, quasi si potesse restare ancora e dell’altro con le mani in mano. Magari pensando che l’argomento non ci riguardi essendo un partito d’opposizione. Insomma ci pensino loro, quelli che hanno vinto.

È sconfortante che un partito che ha governato in questi anni dimentichi o ignori che alcune delle legge ambientali tra le più importanti del nostro Paese, da tempo peraltro sotto tiro, furono ottenute grazie in particolare alla sinistra impegnata all’opposizione e non al governo. Mi chiedo quindi se possiamo, nel momento in cui pare che non sappiamo che ripetere stancamente che noi restiamo “senza se e senza ma” all’opposizione, continuare a fregarcene di quel che succede nell’ambiente e sul piano istituzionale – specie dopo il fallimento clamoroso del referendum.

Che nessuno metta mano ad una gestione del territorio (che dopo le sortite brillantissime su province, aree vaste, amminisitrativizzazione delle regioni con tanto di  ritorni statalistici  e centralistici, scricchiola da tutte le parti) non è certo da partito di governo. Come non lo è lasciar correre che le Città metropolitane chiedano un ministro delle città, le cui decisioni non dovrebbero passare dalle regioni.

Quindi: nulla da dire? Cosa vuol fare insomma il Pd dall’opposizione, a partire dall’ambiente? A rimandare ci è riuscito piuttosto bene anche dal governo; a volte l’opposizione ci ha aiutati.

Le opinioni espresse dall’autore non rappresentano necessariamente la posizione della redazione