Moby Prince, a 24 anni dalla tragedia Realacci torna a chiedere la verità con una nuova interrogazione

[9 aprile 2015]

A 24 anni dalla tragica notte del 10 aprile 1991, le incertezze, le incongruenze, i dubbi su uno dei più gravi incidenti della marineria civile italiana non sono ancora stati chiariti. E rimane tuttora senza risposta la domanda di verità e giustizia delle famiglie delle 140 vittime. Fare finalmente luce sul drammatico incidente della Moby Prince, oltre che un dovere civile e istituzionale, è l’unico modo per onorare la memoria di quanti persero la vita a bordo e rispettare il dolore dei loro familiari. Memoria, verità e giustizia sono le istanze che saranno al centro delle iniziative organizzate per domani, 24° anniversario della tragedia del traghetto Moby Prince, dall’associazione 140 e dal Comune di Livorno con la collaborazione della Regione Toscana e della Provincia. Per fare finalmente luce su questa tragedia sarebbe auspicabile che il nostro Governo si attivasse per sapere dagli Stati Uniti se esistono altri elementi di prova in grado di spiegare cosa accadde davvero al largo del porto di Livorno. Proprio questo chiedo con una mia interrogazione sul caso, la terza (n.4-00261), al Presidente del Consiglio dei Ministri e ai ministri della Difesa, degli Esteri  e della Giustizia, rimasta senza risposta nonostante le ripetute sollecitazioni.

Sebbene la sentenza d’appello sullo scontro tra il traghetto di linea Moby Prince e la petroliera Agip Abruzzo imputi questa tragedia a nebbia ed errore umano, restano aperti molti dubbi e forti perplessità. Riaccesi da diversi articoli di stampa, dal documentario Centoquaranta – La strage dimenticata e da un dossier realizzato da un pool di periti per conto dei familiari delle vittime. Da un pezzo pubblicato sul Corriere della Sera nell’aprile del 2013 si evince, ad esempio, che  il tribunale di Livorno non ha più le registrazioni audio del processo sulla Moby Prince, quelle che valgono a livello legale. Ombre sulla verità accertata dalla giustizia, del resto, erano emerse anche dal programma giornalistico “Mixer” di Giovanni Minoli e dal quotidiano il Tirreno.

Per fare piena luce sulla tragedia della Moby Prince  torno a chiedere ai ministri interrogati se intendano attivarsi presso il Governo degli Stati Uniti d’America per sapere se esistano le immagini e le registrazioni dei tracciati satellitari delle navi presenti nella rada del porto di Livorno, il 10 aprile 1991 e, nel caso, chiederne l’acquisizione.  Auspicabile poi che si proceda a verificare l’effettivo smarrimento delle registrazioni a valore legale dal tribunale di Livorno e le circostanze in cui esso è avvenuto e che si mettano in campo tutte le iniziativi utili a chiarire dinamica e cause della più grande tragedia della nostra marina civile. Sarebbe bene sapere, infine, quali siano le iniziative prese dall’armatore della Moby in questi anni verso le vittime.

di Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera