Papaveri di Mare, quando a Livorno la spesa diventa alla spina

[15 ottobre 2014]

Finalmente anche Livorno ha il suo negozio di prodotti alimentari alla spina. Si chiama Papaveri di Mare ed è stato inaugurato nel quartiere di Ardenza, in via Franchini 16. Fare la spesa alla spina significa ridurre gli imballaggi e sprecare meno, perché si è liberi di acquistare solo la quantità di prodotto desiderata, se poi i prodotti sono tutti o quasi biologici e a filiera corta – come nel caso di questo negozio – è ancora meglio, perché l’impatto ambientale si riduce ulteriormente: meno chilometri deve fare il prodotto per arrivare dal campo al consumatore significa meno inquinamento, così come un’agricoltura biologica garantisce che le sostanze impiegate per quella coltivazione non fanno male all’ambiente né alla salute di chi la consuma.

Per questo nel negozio di Ardenza si potranno trovare farine e paste artigianali semintegrali, biologiche e a basso contenuto di glutine, prodotte a meno di 50 chilometri di distanza, coltivando i grani antichi conservati e riscoperti in questi ultimi anni. I grani antichi sono tutti quelli che nei secoli non hanno subito interventi di selezione da parte dell’uomo, né manipolazioni genetiche: sono così come la natura li ha creati, senza aggiunta delle grandi quantità di glutine necessarie a garantire alla grande industria i grandi numeri. Alla spina potranno essere acquistati anche cereali, legumi, semi, spezie e frutta secca, oltre 60 referenze diverse cercando sempre di privilegiare sempre la filiera corta e il biologico.

Stesso discorso per la l’igiene della casa e della persona. Saponi e detergenti biologici e ricaricabili in modo da allungare la vita dei contenitori, che potranno essere riutilizzati più volte e nel caso dei prodotti per l’igiene della persona con un ulteriore plus: i flaconi sono realizzati con le plastiche riciclata delle raccolte differenziate. Per l’igiene della persona invece la particolarità è derivata dalla scelta di un produttore biologico anch’esso a filiera corta: la Benessens di Lucca, che sbarca a Livorno con i suoi eco prodotti (shampoo, bagno doccia, olio di mandorla, detergente intimo, blasamo capelli etc.) grazie proprio a Papaveri di Mare.

L’attenzione all’ambiente è garantita anche da un’accurata scelta di prodotti di artigianato locale e da riuso creativo, in mostra nella seconda stanza del negozio: borse realizzate da artigiani locali che riutilizzando le confezioni da bar del caffè; ma anche copertoni e pneumatici, sciarpe filate con telaio a mano e realizzate in lana e lana di alpaca, incensi e balsami biologici, gioielli creativi e armonizzatori di energia.

«Papaveri di mare nasce dalla voglia di cambiamento, dall’idea di proporre e comunicare messaggi e prodotti concreti come la bellezza di un oggetto artigianale realizzato a mano e la genuinità di alimenti di filiera corta, biologici – spiega la titolare del negozio, Cristina Olivieri (nella foto al taglio del nastro) – Via gli imballaggi di cui siamo costantemente sommersi, utilizziamo semplici buste di carta che raccolgono soltanto la quantità del prodotto utile e flaconi in plastica riciclata da riportare per la ricarica. Amiamo il mondo e rispettiamolo; amiamo i nostri artigiani e la loro creatività; rispettiamo le idee e prendiamoci cura della nostra salute attraverso un’alimentazione più sana e consapevole… Papaveri di mare ce la mette tutta».