Pisa, Samba fa incontrare 9 start-up innovative italiane con i “business angels”

[26 settembre 2014]

Il Terzo forum d’investimento organizzato oggi a Pisa dall’Associazione Sant’Anna Milky Business Angels (Samba), l’incubatore d’impresa e un club d’investimento di business angels, entrambi gestiti dall’Associazione SAMBA, ente di promozione sociale senza scopo di lucro che farà incontrare 9 start-up innovative selezionate dall’Associazione con  gli investitori nell’aula magna della Scuola Superiore Sant’Anna.

Il programma del forum d’investimento prevede per ciascun team imprenditoriale 20 minuti di tempo per illustrare il proprio business e il dossier d’investimento costruito con Samba Dopo ogni presentazione seguono 10 minuti di prime domande e risposte con gli investitori in sessione plenaria, coordinate dal “champion” designato. Nel pomeriggio “sessione interattiva” tra i potenziali investitori e i singoli team imprenditoriali. Ogni impresa ha un proprio tavolo per poter interagire individualmente con i singoli potenziali investitori. Dalle 18 alle 19 riunione tra i potenziali investitori e il team Samba  per illustrare le singole opportunità d’investimento, per rispondere alle domande dei potenziali investitori e per raccogliere i “soft commitment”, i primi impegni di investimento non vincolanti.

Il presidente di Samba, Marco Bendinelli, spiega che «Quest’anno l’associazione ha deciso di avviare un percorso di accelerazione per dieci impresel. I nove progetti presentati ai potenziali investitori sono stati suddivisi in quattro settori: made in Italy, turismo, ict (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) e hi-tech (alta tecnologia). Per quanto riguarda il settore del made in Italy due progetti appartengono all’agroalimentare, mentre gli altri due al design e arredo. Ad esempio c’è una start-up toscana che ha proposto mobili di design studiati per lo sviluppo dei bambini con una certificazione pedagogica Montessori unica al mondo. Inoltre una start up lombarda ha proposto arredi, complementi e oggetti artistici in legni pregiati e sostenibili. Mentre un incubatore toscano ha presentato una piattaforma web e app che consente alle aziende agroalimentari di aumentare a piacere la quantità e la tipologia di informazioni sui prodotti a cui far accedere i consumatori. Nel settore del turismo c’è chi ha ideato un mercato on line che collega i clienti con i fornitori di servizi turistici, ma c’è anche un mercato on line di vacanze incentrate sulle esperienze in barca organizzate da skipper e armatori privati non professionisti. Nel settore ict c’è chi punta su una piattaforma social per espandere e fidelizzare l’audience di eventi sportivi, ma non solo. Mentre nell’hi-tech c’è chi scommette su un sensore di visione in tecnologia Cmos che integra un pixel innovativo, coperto da brevetto, in grado di garantire alta dinamica di luce ed elevata risoluzione. L’investimento richiesto ai business angels va da un minimo di 200mila euro a un massimo di 500mila e le quote offerte variano dal 20 al 35%>.

Ecco le start-up selezionate dopo un percorso d’incubazione durato sei mesi:

Made in Italy

– Agroalimentare – GEOfood (Lucca). Piattaforma web e App che consente alle aziende agroalimentari di aumentare a piacere la quantità e la tipologia di informazioni sui prodotti a cui far accedere i consumatori, ottenendo così un’altissima profilazione di marketing. Inoltre permette ai consumatori di conoscere nel dettaglio l’origine dei prodotti e delle loro materie prime e ingredienti anche sul luogo di acquisto, mediante barcode o QRcode

– Agroalimentare /Stili di vita – Originario (Milano). Piattaforma di eCommerce con brand internazionale, che seleziona e valorizza i migliori artigiani e imprenditori agroalimentari, inizialmente italiani, attraverso la promozione e vendita a consumatori appassionati dei loro prodotti sui mercati internazionali.

– Design/arredo – Slow Wood (Milano). Arredi, complementi e oggetti artistici in legni pregiati e sostenibili, acquisiti in esclusiva da una consolidata rete di designer e produttori. Vendite a catalogo e su commessa, prodotti di lusso, belli e ben fatti, rari o introvabili, su misura e spesso unici, caratterizzati da storie e valori del made in Italy.

– Design/arredo – Flowerssori (Pisa). Mobili di design studiati per lo sviluppo dei bambini con certificazione pedagogica Montessori unica al mondo e con certificazione ecologica PEFC, estremamente sicuri. Produzione in multistrato di legni pregiati curvati, in serie numerate, semi industriali (rifiniture manuali), interamente made in Italy.

Turismo

– Turismo/health care – Exploramy (Milano-Bologna). Marketplace online che collega i clienti che hanno bisogni speciali e i loro accompagnatori con i fornitori di servizi turistici e complementari. Marchio di qualità con protocolli di livello superiore, specifici per i singoli bisogni speciali, e relativi controlli per ottenere e mantenere le certificazioni.

– Turismo nautico – Sailsquare (Livorno-Milano). Marketplace online di vacanze incentrate su esperienze in barca organizzate da skipper e armatori privati non professionisti. Organizzazione e gestione dell’offerta di vacanza: selezione formazione e fidelizzazione del network di armatori e skipper. Imbarchi singoli o a gruppi.

ICT – tecnologie dell’informazione e della comunicazione

– Software/consulenza – Beenomio (Arezzo). Soluzioni informatiche per la gestione della qualità (TQM) e del miglioramento continuo (LEAN), su piattaforma web/cloud, altamente modulari, scalabili e configurabili. Per organizzazioni pubbliche, piccole e medie imprese manifatturiere e società di consulenza organizzativa e strategica.

– New media/eventi sportivi – Vircuit (Navacchio, Pisa). Piattaforma social per espandere e fidelizzare l’audience di eventi che inizialmente saranno sportivi. Le federazioni e i promoter possono gestire l’evento in pochi click. Gli utenti, tramite pc o smartphone possono interagire con i campioni o altri fan, vedere l’evento in streaming, i risultati in real time e lo storico video. Applicabile a qualsiasi sport, atleta o evento.

Hi-tech

Biomedicale e altri potenziali – Eye Tech (Malè, Trento). Sensore di visione in tecnologia CMOS che integra un pixel innovativo, coperto da brevetto, in grado di garantire alta dinamica di luce ed elevata risoluzione. Progettato per apparecchi endoscopici, garantisce una elevata qualità di immagine consentendo minori tempi negli interventi chirurgici e minori rischi di perforazione. Applicabile anche in altri ambienti a luce controllata (idraulici, sottomarini, diagnostica impianti).