In più di 50mila hanno già firmato la petizione contro l’addio alla Forestale

[25 marzo 2015]

Dopo 192 anni di onorato servizio a tutele dell’ambiente, i cittadini italiani sembrano davvero molto affezionati al Corpo Forestale dello Stato. E più che alla sua storia, in questi giorni sono interessati al futuro del Corpo: nel disegno di legge “Riorganizzazione delle Amministrazioni pubbliche, come noto, è infatti previsto lo scioglimento della Forestale e il passaggio dei suoi compiti a Carabinieri, Finanza o Polizia: i dubbi al momento sono tanti, e le modalità tutte da dettagliare.

L’obiettivo dei firmatari della petizione diretta al presidente Matteo Renzi interviene però alla radice, chiedendo che «non venga cancellata la storia bicentenaria di un glorioso Corpo di Polizia che svolge un servizio importante per la tutela dell’ambiente e per il benessere degli animali».

Su Change.org la campagna – denominata #SalviamolaForestale – viaggia spedita, e ha già superato le 50mila firme, oltre ad aver incassato autorevoli sostegni nel mondo delle associazioni ambientaliste e dei sindacati.

Insieme alla richiesta si accompagna anche al proposta, ossia quella di «accorpare le Polizie Provinciali ed i Corpi Forestali delle Regioni e Province a Statuto Speciale (che attualmente sono alle dipendenze dei rispettivi Enti locali) all’interno del Corpo Forestale dello Stato (che attualmente è sotto organico con 7615 unità). Si otterrebbe così un unico Corpo Forestale presente in tutta la nazione e finalmente con un organico idoneo a svolgere i propri compiti istituzionali».

Una proposta costruttiva che si affianca a quelle già messe in campo da ambientalisti, Cgil e altri soggetti, di cui abbiamo dato conto sulle nostre pagine. Quel che manca adesso non sono certo le idee, ma la volontà di perseguirle per salvare la Forestale; la decisione finale, però, ancora non è stata presa.