Roberto Giovannini nuovo presidente della Federazione italiana media ambientali (Fima)

Marco Fratoddi segretario generale. Nuovo ufficio di presidenza Fima

[2 agosto 2017]

L’Assemblea ordinaria dei soci della Federazione italiana media ambientali (Fima), dopo una prima fase di discussione articolata per gruppi tematici, ha votato con procedura telematica per il  al rinnovo  delle cariche: il nuovo presidente è Roberto Giovannini che succede a Mario Salomone, primo presidente dell’associazione che raccoglie comunicatori, blogger, giornalisti, operatori del social network, formatori e performer impegnati in campo ambientale. Il segretario generale Fima è Marco Fratoddi. L’Ufficio di presidenza Fima è composto da Rosy Battaglia, Paola Bolaffio, Pier Luigi Cavalchini, David De Angelis, Sergio Ferraris, Marco Gisotti, Sabrina Mechella, Letizia Palmisano

Giovannini, 55 anni, giornalista e coordinatore del magazine sull’ambiente e la sostenibilità Tuttogreen de La Stampa, dopo un’esperienza al settimanale Rassegna sindacale ha scritto per dieci anni di economia per l’Unità. Dal 2000 è approdato alla redazione romana de La Stampa dove ha ideato nel 2013 il magazine cartaceo e digitale Tuttogreen che racconta le sfide della sostenibilità, della difesa dell’ambiente, della lotta al cambiamento climatico.

«La nostra missione – ha spiegato Giovannini dopo la sua elezione – è quella di portare nel mondo dell’informazione e della comunicazione, che specie in Italia si è dimostrato vecchio e nemico del cambiamento, la ventata di trasformazione che arriva dalla società, un uragano verde fatto da milioni di persone e decine di migliaia di aziende che lavorano e si impegnano quotidianamente per un mondo più sano e più giusto. Tutti insieme dobbiamo dimostrare che i temi dell’ambiente e della sostenibilità meritano più spazio, il giusto spazio, nel panorama dell’informazione. Noi, giornalisti e comunicatori ambientali, siamo mainstream».