Tari, un convegno “speciale” per spiegarne gli aspetti normativi e operativi

[6 febbraio 2015]

Tarsu, Tares, Trise, Tari: l’impressionante e intrecciata trafila di sigle che ha portato negli anni alla continua revisione della tassazione dei rifiuti non ha certo contribuito a chiarire le idee in merito all’ultima nata in questo tortuoso percorso, la Tari. A circa un anno dalla sua entrata in vigore, la normativa legata alla tassa rifiuti (Tari, appunto) continua a rappresentare per certi versi un tema controverso, in particolare per tutti quei soggetti economici che, in qualità di produttori di rifiuti speciali o di aziende che si occupano di smaltimento e gestione, avvertono l’esigenza di un’interpretazione della disciplina più chiara.

Ed è proprio per contribuire a sanare questa necessità che Trs Ecologia Srl – un’azienda che opera da anni proprio nel settore della gestione dei rifiuti – ha scelto di farsi promotore di un convegno in grado di approfondire tutti i principali aspetti normativi e operativi legati alla produzione e allo smaltimento di rifiuti speciali (assimilati e non), approfondendo in particolare i non trascurabili aspetti che consentano risparmi sulla Tari, all’interno di un appuntamento tecnico e divulgativo al tempo stesso.

Per partecipare al convegno, che si svolgerà il 20 febbraio presso l’auditorium “G. C. Mazzocchi” dell’università Cattolica del Sacro Cuore a partire dalle 10:30, è possibile prenotarsi scrivendo all’indirizzo convegno@trsecologia.it, oppure telefonando (dalle 9 alle 12) allo 0523816211.

(Publiredazionale)