Il turismo da crociera esternalizza i costi ambientali e restituisce poco o nulla ai territori

Goletta Verde al seguito della Concordia: «Il Mediterraneo aggredito dalle grandi navi»

Via le grandi navi da Venezia

[25 luglio 2014]

Gran parte dell’attività crocieristica si concentra nel Mediterraneo ed ogni  giorno dai principali porti italiani partono numerose navi da crociera, veri e propri palazzi o grattacieli galleggianti, come la Costa Concordia che si è schiantata sugli scogli delle Scole, in un Parco Nazionale, all’Isola del Giglio. Colossi che attraversano il Tirreno e l’Adriatico.

Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale del Turismo, Venezia, Trieste, Savona e Genova sono i quattro porti che registrano più imbarchi e sbarchi rispetto ai transiti. Un mercato turistico, quello delle navi da crociera, che sembra non conoscere crisi nonostante qualche lieve calo registrato tra il 2011 e il 2012, anche in seguito all’incidente della Concordia all’Isola del Giglio.

Goletta Verde Straordinaria di Legambiente, che nel suo terzo giorno di navigazione al seguito della Concordia diretta a Genova, oggi farà tappa a Porto Venere alle Cinque Terre, vicino a La Spezia, per incontrare Vittorio Alessandro, presidente del Parco Nazionale della Cinque Terre e parlare del traffico crocieristico, ricorda che le grandi navi minacciano  costantemente il Mediterraneo e l’intero ecosistema marino. Proprio il porto di La Spezia ha registrato in poco tempo un incremento del traffico crocieristico: «Nel 2013 – spiegano a bordo di Goletta Verde – è entrato a far parte degli itinerari delle più importanti compagnie crocieristiche internazionali grazie all’inaugurazione della nuova banchina passeggeri al molo Garibaldi e alla ristrutturazione dell’ex sede della dogana per l’accoglienza dei passeggeri. Eppure nonostante ciò la città ligure non trae grandi benefici dal passaggio delle navi da crociera, che hanno per altro un forte impatto su un territorio delicato come quello delle Cinque Terre».

I numeri che ruotano intorno al mondo delle crociere sono davvero impressionanti: secondo fonte Risposte Turismo, «In Italia nel 2011 il movimento dei passeggeri nei porti italiani, inteso come somma di imbarchi-sbarchi e transiti registrati dai porti crocieristici, ha superato la soglia degli 11 milioni; per poi scendere lievemente nel 2012 sotto gli 11 milioni, quota poi superata nel 2013».

L’anno scorso anno i porti di Venezia, Trieste, Savona e Genova sono stati quelli che hanno registrato più imbarchi e sbarchi rispetto ai transiti. Legambiente fornisce i dati: «Con oltre 1,5 milioni di crocieristi movimentati Venezia si conferma anche in termini assoluti il porto con il maggior numero di imbarchi e sbarchi seguito da Civitavecchia e Savona, rispettivamente con 990mila e 670mila. Civitavecchia guida, invece, la classifica dei crocieristi in transito (1,5 milioni), senza dimenticare che dalla città laziale si stima che ogni giorno di alta stagione non meno di 300 pullman partono alla volta di Roma, un serpentone di quasi quattro km che ogni giorno intasa il grande raccordo anulare della Capitale».

Quale è il risultato finale di questo assalto? «Traffico intenso in mare e in strada – dicono gli ambientalisti – . Senza contare l’impatto ambientale, territoriale e paesaggistico che provocano, il possibile rischio di incidenti ed infine il limitato impatto sul sistema economico del turismo italiano soprattutto se si pensa che le “spese a terra” arrivano complessivamente appena a 71,4 milioni di euro a fronte di una spesa totale per le crociere di circa 4,4 miliardi (fonte: Ente Bilaterale Nazionale del Turismo, Report 2012). Molti dei profitti del turismo crocieristico si basano soprattutto sulle escursioni a terra in località spesso distanti dal luogo di attracco, che di conseguenza non beneficia neppure economicamente del passaggio delle navi da crociera».

Per questo oggi Legambiente con la Goletta Verde Straordinaria, è tornata a ribadire il suo no alle grandi navi nelle aree sensibili naturali e di alto pregio storico-culturale come ad esempio l’Arcipelago toscano, il Santuario dei Cetacei e la laguna di Venezia, tre patrimoni che vanno tutelati e protetti e non più aggrediti e sfruttati.

Sebastiano Venneri, responsabile mare di Legambiente, ricorda che «Quello crocieristico è un turismo che ha conosciuto una vera e propria escalation grazie a un’esternalizzazione dei costi ambientali e ad un’assenza di regole che ha favorito un “attracco selvaggio”. Il naufragio della Concordia impone un ripensamento di un settore che saccheggia risorse ambientali e restituisce poco o nulla ai territori, in particolare a quelli interessati dagli attracchi. È necessario allontanare subito le grandi navi dal centro di Venezia e riorganizzare il sistema delle escursioni a terra per evitare che migliaia di persone insistano su territori delicati mettendone a rischio l’integrità».

Per Goletta Verde il caso emblematico il caso emblematico è Venezia, dove continuano a passare navi di ogni dimensione nel canale della Giudecca e nel Bacino di San Marco. «A marzo 2014 – dicono gli ambientalisti – è arrivata la decisione del Tar del Veneto di sospendere il divieto di circolazione delle grandi navi nella laguna. Una decisione che fa male all’ambiente e alla città lagunare. Legambiente ricorda tra l’altro che Venezia convive con uno dei S.I.N. (Sito d’Interesse Nazionale) più estesi d’Europa, un’enorme area contaminata in abbandono e da bonificare che occupa una superficie a terra di 3.221 ettari, mentre quella relativa alle porzioni in mare è di 2.200 ettari, cui si aggiungono ulteriori 350 ettari di canali portuali. Pianificare il futuro della città e dell’attività portuale partendo dalla rigenerazione di una parte di territorio abbandonato e tragicamente inquinato, rappresenterebbe una straordinaria opportunità, un obbligo sociale e urbanistico». Per questo il Cigno Verde  ha più volte proposto lo spostamento della stazione marittima per le navi da crociera a Marghera, lontano dal fragile cuore della città. «In questo modo – conclufdono a Legambiente – si eviterebbe infatti il passaggio delle grandi navi all’interno del Canale della Giudecca e del bacino di San Marco e allo stesso tempo si consentirebbe una pianificazione integrata di tutta l’area comunale attraverso il recupero e rilancio della zona industriale dopo gli anni di abbandono seguiti alla crisi del ciclo della chimica».