A Pistoia si studiano gli effetti psico-acustici della “movida”

[7 agosto 2013]

Uno studio condotto da due laureandi in Medicina e Chirurgia presso l’Ateneo fiorentino servirà a fornire dati scientifici sul cosiddetto fenomeno della “movida”.

Lo studio psico-acustico del rumore percepito da quanti abitano in piazza della Sala (e zone limitrofe) a Pistoia, è in corso da alcune settimane ed ha l’obiettivo essenzialmente conoscitivo di evidenziare come lo scenario nel corso di pochi anni sia cambiato per i residenti del centro storico e in particolare per quanti vivono attorno alla piazzetta della Sala.

Lo studio è realizzato in collaborazione tra Comune di Pistoia, azienda Usl 3 e Università di Firenze. Il Comune e l’Asl 3 di Pistoia hanno ritenuto di effettuare questa analisi per indagare il fenomeno della cosiddetta movida in maniera sistematica e oggettiva, come mai era stato fatto finora, tramite misurazioni all’interno delle abitazioni e dichiarazioni rilasciate dai cittadini.

Al progetto lavorano sul campo due laureandi dell’Università di Medicina e chirurgia, incaricati della parte operativa, che consiste nella somministrazione di domande relative alla percezione del rumore ai residenti della zona.

Il ruolo degli studenti ha quindi un profilo tecnico-scientifico di studio, di ausilio e di operatività finalizzata alla formazione della tesi di laurea e viene svolto nell’ambito degli indirizzi e delle scelte operate da Asl e Comune che mettono anche a disposizione tutta la strumentazione e la logistica necessaria per l’esecuzione dell’indagine conoscitiva. L’indagine andrà avanti nel corso di questo mese e terminerà a metà settembre.