Nella sua interezza, la filiera vale per il Paese l’8,7% del Pil e il 13% dell’occupazione

La sostenibilità del cibo made in Italy, tra big del mercato e medie imprese

Nel nuovo rapporto a guida Oxfam l’analisi Scopri il Marchio applicata alle aziende agroalimentari

[4 settembre 2015]

alberto-sordi-spaghetti1

In Italia la filiera del cibo (o meglio, quella agroalimentare) garantisce un contributo di primissimo piano all’economia nazionale – includendo nel computo la fase produttiva, la distributiva e quella commerciale – rappresentando l’8,7% del Pil e il 13% dell’occupazione. Ma il cibo italiano non fa solo crescere il Pil. Per quasi 6 italiani su 10 l’industria alimentare è il settore che ci rappresenta di più al mondo, meglio di moda, design e automobili; ma quanto è davvero sostenibile?

Per provare a rispondere a questa complessa domanda, Oxfam Italia con la collaborazione di NeXT – Nuova Economia per Tutti e della John Cabot University, ha stilato il suo nuovo report “Il valore della filiera del cibo – L’analisi Scopri il Marchio applicata alle aziende dell’agroalimentare italiano”.

Nella prima parte – sintetizzano dalla Ong – lo studio analizza le politiche che le due maggiori imprese alimentari italiane, Barilla e Ferrero, hanno adottato su 7 temi chiave: il rispetto dei diritti dei produttori e dei lavoratori agricoli; l’attenzione alla tematica di genere; la gestione della terra e dell’acqua utilizzate nel processo produttivo; le politiche di contrasto al cambiamento climatico; il grado di trasparenza dell’operato dell’azienda. Questa analisi, basandosi su dati pubblici resi disponibili dalle aziende, è stata condotta adattando la metodologia elaborata da Oxfam nell’ambito della campagna Scopri il Marchio, con la supervisione di Alessandro Signorini, docente di marketing presso la John Cabot University.

I risultati dimostrano che Barilla e Ferrero, sebbene già orientate verso un percorso di sostenibilità, hanno ancora ampi margini di miglioramento nelle aree tematiche analizzate. Se Barilla fa registrare maggiori progressi soprattutto in ambito ambientale nella gestione sostenibile di terra e acqua e nell’attenzione posta alla sfida del cambiamento climatico, Ferrero mostra un impegno più forte in termini di tutela e rispetto dei diritti dei produttori e lavoratori coinvolti lungo la propria filiera agricola. Entrambe, invece, risultano carenti nella definizione di politiche di genere volte a favorire la piena integrazione delle produttrici e lavoratrici dei paesi in via di sviluppo lungo la filiera. Sebbene sia noto il forte livello di discriminazione al quale spesso le donne dedite ad attività agricole sono soggette, una riflessione per contrastare tale fenomeno non sembra aver ancora interessato in maniera sistematica l’operato di queste due aziende nei paesi dove si riforniscono di materie prime.

«Con questo rapporto, pubblicato nell’anno in cui l’Italia ospita Expo sul tema Feeding the Planet, Energy for Life, Oxfam – spiega Roberto Barbieri, direttore generale dell’ong – si propone di stimolare le aziende italiane dell’alimentare a interrogarsi sulla sostenibilità delle proprie filiere. Il ruolo di grandi aziende come Barilla e Ferrero è significativo, perché esemplare per tutte le altre. Se l’obiettivo è quello di migliorare le condizioni di vita di centinaia di migliaia di contadini, garantire i loro diritti e rispettare il pianeta, un miglioramento delle loro politiche e dei loro comportamenti può contribuire a sconfiggere fame e povertà. Per costruire un sistema alimentare globale davvero capace di assicurare a tutti, nel mondo, accesso al cibo, oggi e in futuro è dunque fondamentale passare attraverso la ridefinizione delle scelte aziendali di chi produce cibo».

Nella sua seconda parte, il rapporto di Oxfam coinvolge il mondo delle imprese alimentari italiane di medie dimensioni, lanciando loro una vera e propria sfida a misurare e migliorare la sostenibilità sociale e ambientale delle proprie filiere. In questa sezione, elaborata in collaborazione con NeXt-Nuova Economia per Tutti, gli indicatori presi in esame da Oxfam per Scopri il Marchio sono stati un punto di partenza per definire un Questionario online rivolto alle medie imprese alimentari italiane per autovalutare la sostenibilità delle loro filiere, confrontandosi attivamente con stakeholder e consumatori sulla propria performance. Sul sito www.nexteconomia.org/oxfam si possono trovare tutte le informazioni per permettere alle aziende di raccogliere questa “sfida sostenibile”.

«Il mondo dell’agroalimentare italiano è composto da moltissime medie e piccole aziende che dedicano sempre maggior attenzione alla sostenibilità ambientale e sociale della propria filiera. Per questo insieme ad Oxfam Italia abbiamo creato un questionario di Autovalutazione Partecipata, per dare una mano alle aziende italiane a scegliere consapevolmente un percorso di miglioramento continuo da condividere con i consumatori. È un modo di informare e rendere partecipi cittadini e consumatori del percorso di crescita intrapreso da alcune aziende, in modo che la scelta di acquisto sia un incentivo per chi fa bene a perseguire obiettivi di sostenibilità sociale e ambientale».

Il 1° appuntamento per conoscere meglio la “sfida sostenibile” avrà luogo il prossimo 27 settembre a Expo Milano. In quell’occasione Oxfam Italia e NeXt si confronteranno con aziende, imprenditori, ricercatori, studenti, associazioni e non ultimi i consumatori.