Per entrare a Palau bisogna firmare il passaporto ecologico e il Palau Pledge (VIDEO)

Il primo Paese al mondo a chiedere ai visitatori di firmare una dichiarazione per proteggere ambiente e cultura per la prossima generazione

[19 dicembre 2017]

La Repubblica di Palau – Belau’u era Belau, un minuscolo Stato insulare sparso nel Pacifico occidentale, ha lanciato la Palau Pledge, un’iniziativa eco-compatibile mondiale che chiede a tutti i turisti, prima che possano entrare nel Paese, di sottoscrivere sul passaporto un impegno  vincolante direttamente con i bambini di Palau. Il Palau Pledge  recita:  «Bambini di Palau, prendo questo impegno come vostro ospite, per preservare e proteggere la vostra bella e unica casa insulare. Giuro di calpestarla con leggerezza, di comportarmi gentilmente e di esplorare con attenzione. Non prenderò ciò che non mi è stato dato. Non farò del male a ciò che non mi fa del male. Le uniche impronte che lascerò sono quelle che verranno spazzate via».

Il governo di Koror, che amministra  un territorio di 448 km 2,  costituito da 200 isolotti vulcanici e atolli corallini  in gran parte deserti dove vivono circa 20.000 persone,  spiega che «La Palau Pledge è una nuova politica sull’immigrazione che è entrata in vigore a dicembre. Palau è diventato il primo Paese ad aggiornare la propria politica sull’immigrazione e le procedure di sbarco per attuare tale legislazione, volta a preservare la sua vibrante cultura e la bellezza del suo ambiente naturale per le generazioni future. Spera anche che altri Paesi seguiranno l’esempio per proteggere il pianeta per i bambini di tutto il mondo. Basato sulla tradizione Palauana del Bul (Il Bul  è una moratoria dichiarata dai leader tradizionali di Palau che pone fine immediatamente al sovra-consumo o alla distruzione di una specie, luogo o cosa. È diventato il simbolo del Palau National Marine Sanctuary e del Palau Pledge, che sono le applicazioni moderne del tradizionale Bul) ed è stato scritto con l’aiuto dei bambini di Palau, il Palau Pledge sarà timbrato e firmato sui passaporti di ogni visitatore. L’iniziativa spinge verso un “turismo responsabile e sostenibile” il crescente numero di turisti che hanno visitato l’isola negli ultimi anni. Palau è la tredicesima nazione più piccola al mondo con una popolazione di meno di 20.000 persone ma ogni anno vede oltre 160.000 visitatori sulle sue coste». L’area marina protetta di questo piccolissimo Paese è più grande della California.

Il giuramento sul passaporto è stato ritenuto necessario dopo che i comportamenti disattenti dei turisti hanno iniziato a compromettere  l’ambiente incontaminato di Palau e ad avere un impatto negativo sulla sua cultura. Il governo di Koror, ha anche messo in atto una politica che consente di agire – con multe fino a 1 milione di dollari – contro chi viola le condizioni dell’impegno preso firmando il passaporto.

Si tratta di un progetto pioneristico pensato per attirare l’attenzione sulle sfide ecologiche legate al turismo,  con in mente il futuro dei bambini di Palau, che cerca inoltre di modificare l’impatto dannoso dell’attività antropica sull’ecosistema locale, soprattutto perché il numero di visitatori sulle isole continua a crescere. Il governo della Belau’u era Belau  ricorda che «Palau ha una lunga storia di primati mondiali nella conservazione. Fu il primo Paese a creare un santuario degli squali nelle sue acque nazionali, fu il primo a vietare la pratica distruttiva della pesca a strascico, e nel 2015 la sua leadership creò il Santuario Nazionale Marino di Palau: il più grande, completamente protetto, non-prendere zona nel mondo. Palau ospita un sito del patrimonio mondiale dell’Unesco ed è uno dei soli 6 Paesi al mondo ad avere una designazione Unesco  che protegge sia il suo ambiente unico che la sua cultura.

Il giuramento sul passaporto è stato ritenuto necessario dopo che i comportamenti disattenti dei visitatori hanno iniziato a erodere l’ambiente incontaminato di Palau e avere un impatto negativo sulla sua cultura. Il governo di Palauan ha anche messo in atto una politica che consente di agire contro coloro che violano le condizioni dell’impegno, con multe fino a $ 1 milione di dollari per reati commessi. Il progetto pioneristico attira l’attenzione sulle sfide ecologiche legate al turismo, con in mente il futuro dei bambini di Palauan. Cerca inoltre di modificare l’impatto dannoso dell’attività umana sull’ecosistema locale, soprattutto perché il numero di visitatori sull’isola continua a crescere. Palau ha una lunga storia di primati mondiali nella conservazione. Fu il primo paese a creare un santuario degli squali nelle sue acque nazionali, fu il primo a vietare la pratica distruttiva della pesca a strascico, e nel 2015 la sua leadership creò il Palau National Marine Sanctuary: la più grande no-take zone integralmente protetta del mondo».

Tommy E. Remengesau Jr, Presidente di Palau, ambientalista e fautore della sostenibilità, crede che «ognuno sia responsabile per l’attuazione del cambiamento. E’ nostra responsabilità mostrare ai nostri ospiti come rispettare Palau, così come è loro dovere mantenere l’impegno firmato quando ci visitano, Mentre Palau può essere una piccola nazione insulare, siamo un grande Stato oceanico e la conservazione è il cuore della nostra cultura. Per sopravvivere facciamo affidamento sul nostro ambiente e se il nostro bel Paese scomparisse per il degrado ambientale, saremmo l’ultima generazione a godere sia della sua bellezza che della sua biodiversità. Questo non è vero solo per Palau. L’impatto umano sull’ambiente della nostra terra è una delle maggiori sfide che ha oggi di fronte il nostro mondoi. Come piccolo Paese, sentiamo in modo acuto l’impatto di queste azioni. Speriamo che il Palau Pledge aumenti la consapevolezza globale della responsabilità che questa generazione ha nei confronti della prossima»..

Il Palau Pledge è illustrato in modo fantasioso da un video (che pubblichiamo) nel quale i bambini di Palau spiegando l’enorme impatto che i turisti possono avere sulle loro isole e sul loro mare. Intanto all’aeroporto internazionale di Palau e in tutto il Paese si stanno installando punti informativi e segnaletica per ricordare ai visitatori le condizioni del Palau Pledge, la cui filosofia è stata integrata dal ministero dell’Istruzione, nell’educazione dei bambini, per aiutarli a capire il ruolo essenziale che svolgono nel proteggere il futuro del loro fragile e paradisiaco Paese. Il governo sottolinea che «Anche le comunità locali e le imprese, compresi i tour operator, saranno incoraggiate ad aderire al Pledge e a impegnarsi a sostenere le leggi per la conservazione di Palau, aiutando i visitatori a capirle e celebrando la bellezza unica di Palau».

Il Palau Pledge è stato creato dall’agenzia di comunicazioni australiana Host/Havas, in collaborazione con il Palau Legacy Project, un gruppo di professionisti volontari – Laura Clarke, Nicolle Fagan, Jennifer Koskelin-Gibbons e Nanae Singeo – che vivono a Palau e hanno una formazione nelle comunicazioni di marketing globali e che collaborano con il governo per aiutarlo a comunicare il messaggio di conservazione di Palau. La Clarke, che è arrivata a Palau da turista, sottolinea che «Il Palau Pledge  vuole aiutare gli ospiti a capire il ruolo vitale che svolgono nel proteggere Palau per la prossima generazione. La maggior parte dei visitatori non è consapevole del grave impatto che hanno le loro azioni o di ciò che possono fare per aiutare. Il team del Palau Legacy Project si è riunito per aiutare a comunicare questi importanti messaggi in un modo che tutti gli ospiti potessero comprendere. E’ stato realizzato un sito Web dedicato per fornire informazioni ai visitatori sul Palau Pledge prima del loro viaggio».

Tutti i materiali di Palau Pledge, compreso il timbro sul passaporto, sono stati tradotti nelle cinque lingue dei Paesi dai quali provengono i turisti: Giappone, Stati Uniti, Corea, Cina e Taiwan. Il Palau Pledge sarà implementato e istituzionalizzato dal governo e dalle associazioni di Palau come Palau Conservation Society, Palau National Marine Sanctuary e Friends of the Palau National Marine Sanctuary e dai ministeri  interessati.

Videogallery

  • The Giant – Compulsory Inflight Movie (Palau Pledge), 2017