Arezzo, green economy ad alta intensità di lavoro: riaprono i cantieri forestali

[7 ottobre 2013]

Il servizio agricoltura della Provincia di Arezzo ha dato il via a 6 nuovi interventi forestali per la tutela idrogeologica e la prevenzione dagli incendi boschivi, progettando e affidando alla cooperazione forestale lavori per oltre 400 mila euro nei comuni di Cavriglia e di Cortona.

Piccoli interventi di manutenzione diffusi sul territorio rurale, specialmente nelle aree collinari e montane, sono necessari per fare prevenzione ed aumentare la sicurezza dal rischio idrogeologico e al contempo dare opportunità di lavoro utile. Un fondamentale canale di finanziamento è rappresentato dalle risorse che l’Unione Europea mette a disposizione con il Piano di sviluppo rurale, e proprio con questi fondi hanno visto la luce i lavori aretini.

«Gli interventi programmati contribuiscono a una buona gestione del nostro patrimonio agricolo forestale con positive ricadute sia sotto il profilo ambientale che economico – ha sottolineato l’assessore provinciale all’agricoltura Andrea Cutini- Inoltre, in un momento di crisi occupazionale come questo saper efficacemente e con continuità utilizzare fondi comunitari in interventi ad alta intensità di lavoro, in termini di manodopera, come quelli per la tutela idrogeologica e del bosco, rappresenta una delle opportunità da non farsi sfuggire per attivare concretamente utili politiche di sviluppo rurale».

Con l’apertura di questi nuovi cantieri, a distanza di meno di tre anni dalla prima esperienza pilota, ammontano ad oltre un milione di euro gli interventi progettati e appaltati dalla provincia di Arezzo a tutela del patrimonio forestale, attuati con fondi comunitari.

Inoltre «in una logica di programmazione nel tempo dei lavori agli interventi realizzati e a quelli in corso di realizzazione si possono già aggiungere risorse comunitarie certe per il 2014 pari ad ulteriori 320 mila euro», hanno concluso dalla Provincia.